top of page
20210202_115608.jpg

Benvenuto nel blog della Scrivente Errante! 

Uno spazio dove conoscere una Mamma, AUTRICE degli ARTICOLI e delle RECENSIONI che troverete su questo blog, appartenente alla generazione dei Millennials di due bambine Cosmopolite, a cui spero di poter dare gli strumenti per realizzare i loro sogni ed essere FELICI! 

Un articolo legato alla pratica della stregoneria in Scozia per concludere il 2023!







Articolo di Lorraine Quinn, tradotto da Alessia Bruni!
Ci sono voci sulla pratica della stregoneria a Neilston durante il XVI e il XVII secolo, ma sembrano esserci poche prove documentali che confermino i dettagli esatti. I registri del Presbiterio del 1650 menzionano che una o più "streghe" furono arrestate a Neilston, ma questi individui non furono nominati e le loro storie non furono mai raccontate. Un riferimento allettante trovato altrove proviene dalla pubblicazione del 1910 "A History of the Parish of Neilston" dell'autore David Pride. Egli scrive: "un certo numero di streghe furono arrestate a Inverkip, Linwood, Neilston e Kilallan [nel] 1650, contro le quali fu presentato un appello al Comitato del Consiglio Privato per la loro punizione. Sembra che questo appello sia stato ascoltato e che, in seguito, i disgraziati siano stati debitamente worrit [strangolati]". Il testo di Pride non fa i nomi delle persone accusate e giustiziate. Tuttavia, poiché fa riferimento a una richiesta al Privy Council di Scozia, offre un'utile pista da approfondire.
È stata consultata la seconda serie del Register of the Privy Council of Scotland (Vol. VIII) a cura di P. Hume Brown. Nel Renfrewshire (l'ex contea di Renfrew) è menzionato un solo caso nel 1650, una storia complicata e dettagliata di una donna accusata di nome Margarat Finlasoune. L'accusa era scaturita da una disputa tra Margarat e Robert Patersone, un mugnaio dell'attuale Garscadden. Egli credeva che lei lo avesse stregato perché si era ammalato di febbre. Margarat era una donna con una certa disponibilità economica ed era sposata con Johne Patersone; la coppia aveva un figlio piccolo di nome Mathew. Non ci sono prove documentali che suggeriscano che Margarat fosse imparentata con il suo accusatore, ma dato che aveva lo stesso cognome del marito, è del tutto possibile. Tuttavia, il documento menziona che la prima moglie di Robert era una donna di nome Marioune Robisoune, che era la serva di Margaret, quindi i due si conoscevano abbastanza bene. È stato suggerito che anche due "streghe" precedentemente condannate e giustiziate - Thomas Lich e Jeanat Mountgomerie - abbiano indicato Margaret come loro complice, consolidando la sua cattiva reputazione all'interno della comunità e portando infine a un verdetto di colpevolezza. Tuttavia, i documenti descrivono le persone coinvolte in questo caso solo come residenti nella contea di Renfrew o nella parrocchia di Renfrew, ma non menzionano il luogo esatto. E poiché all'epoca il "Renfrew-shire" si estendeva all'area a nord del fiume Clyde, includendo luoghi come l'attuale Clydebank, Yoker e Garscadden, è troppo vago per restringere il legame con Neilston a un singolo individuo. 
Se guardiamo più indietro all'anno precedente, nei registri del presbiterio c'è una voce del 2 novembre 1649 che menziona ancora una volta sospetti di streghe provenienti da varie località del Renfrew-shire. L'annotazione recita: "È stato deciso che diversi fratelli si incontrino con le persone in prigione per stregoneria a Paisley e Renfrew [Tolbooths] per portarle a confessarsi, cioè che il signor Hew Peebles si incontri con loro a Paisley questa sera e il giorno dopo con loro a Renfrew; il signor James Hutcheson lunedì si incontri con loro a Paisley e il giovedì a Renfrew; il signor Thomas Hall si incontri con loro a Paisley il giovedì e il mercoledì con loro a Renfrew". Quando la voce dice di "portarli a confessare", ciò che in realtà significa è il "warding and walking", una pratica in cui i sospetti venivano tenuti svegli per lunghi periodi di tempo da una serie di persone diverse che li sorvegliavano 24 ore su 24, causando alla fine confusione e disorientamento. In questo stato mentale, i sospetti spesso accettavano qualsiasi cosa venisse detta dai loro carcerieri se questo permetteva loro di porre fine alle sofferenze. Sebbene la tortura fisica di presunte streghe fosse illegale in Scozia in quel periodo, non si riteneva che la privazione del sonno fosse una forma di tortura.
I tre uomini citati sono membri del clero. Hew Peebles era il ministro di Lochwinnoch, un devoto calvinista che si rifiutò di adottare l'episcopato e fu accusato di non aver rispettato le regole del presbiterio. James Hutcheson era il ministro di Killellan e fu accusato di non aver rispettato le regole del Privy Council. Thomas Hall (descritto come un uomo pio e colto) fu nominato ministro temporaneo di Erskine tra il 1649-51 e successivamente fu trasferito a Kilmacolm dove prestò servizio per circa 4 anni prima di tornare a Larne. Il ministro di Neilston era l'irlandese William Semple, descritto come "più eminente" di tutti gli altri venuti dall'Irlanda in quel periodo. Fuggito dalla sua carica a Letterkenny nel 1649 a causa di violenze e persecuzioni, rimase per quattro anni, durante i quali vennero alla luce le accuse di stregoneria. Sebbene questi uomini fossero istruiti e fermi nelle loro convinzioni cristiane, sembra incongruo che cercassero di ottenere confessioni da presunte streghe. Ma in realtà si potrebbe sostenere il contrario. I membri del clero che erano molto colti e studiavano i testi teologici e demonologici erano assolutamente convinti della presenza di Satana e che le streghe erano semplicemente vasi del diavolo, piuttosto che umani.
La fonte successiva consultata è stata la "Survey of Scottish Witchcraft" (Indagine sulla stregoneria scozzese), che non ha dato alcun risultato relativo a persone accusate a Neilston. Tuttavia, il database menziona il reverendo David Brown, ministro di Neilston, che fu coinvolto nel famigerato processo di Bargarran del 1697. Visitò i condannati in questo caso mentre erano detenuti al casello di Paisley mercoledì 9 giugno 1697, il giorno prima della loro esecuzione. Predicò un sermone sul peccato di stregoneria, tratto dal capitolo 16 di Timoteo (1°). Il testo comprendeva quanto segue:
"...la vedova che vive per il piacere è morta anche quando vive. [...] (le vedove più giovani) quando i loro desideri sensuali superano la loro dedizione a Cristo, vogliono sposarsi. In questo modo si macchiano di un giudizio [...] prendono l'abitudine di essere oziose e di andare di casa in casa. E non solo diventano fannulloni, ma anche indaffarati che parlano a vanvera, dicendo cose che non dovrebbero dire. [...] non danno al nemico l'opportunità di calunniare. Alcuni infatti si sono già allontanati per seguire Satana. [...] Non siate precipitosi nell'imposizione delle mani e non partecipate ai peccati degli altri. Mantenetevi puri".
Sebbene nei registri del Privy Council non vi siano nomi di persone residenti a Neilston che siano state processate per stregoneria, ciò non significa che eventuali accuse o processi non abbiano avuto luogo presso il tribunale della Chiesa locale piuttosto che essere portati a Edimburgo. Poiché questi documenti si riferiscono a eventi di oltre 300 anni fa, non possiamo mai sapere con certezza quante informazioni siano andate perdute nel corso degli anni. Poiché i registri del Presbiterio parlano di "streghe" arrestate a livello locale nel 1650, non si può trascurare questa fonte affidabile. Ho già sostenuto in precedenza che in diversi casi da me ricercati, sebbene siano in gioco molti fattori, l'unico catalizzatore che sembra far pendere l'ago della bilancia è l'intervento di un membro del clero particolarmente zelante. Nella contea di Renfrew, a metà del XVII secolo, sembravano essercene alcuni.
Si possono prendere in considerazione anche altre prove, ad esempio i nomi dei luoghi storici. C'è un ruscello noto come "Witches Burn" che entra nell'Old Patrick Water sopra Killoch Glen. A questo luogo è associata una leggenda locale, quella della "Strega di Killoch Glen", citata anche da Pride nel suo libro del 1910. Quando l'acqua è bassa, nel letto del torrente si possono vedere diverse buche, che si sono naturalmente consumate in forme insolite. Si dice che le parti lunghe e lisce tra le buche siano il pavimento e il focolare della strega, mentre le cavità siano la sua culla e la sua tomba. Anche una filastrocca locale ne parla:
"L'onda ondeggiante del Killoch schizza giù, mentre attraverso il Glen le acque si scatenano, lontano dall'inquietante tomba delle streghe, fra Craig tae Linn, le rocce scure, che si allontanano selvaggiamente con un rumore gorgogliante".
Ma questo sito potrebbe essere la tomba di una "strega" accusata? Un'altra donna accusata di Torryburn, Lilias Adie, fu sepolta sulla costa in una tomba intertidale - un'area che si trova sopra il livello dell'acqua con la bassa marea e sotto il livello dell'acqua con l'alta marea. Si credeva che l'acqua e la pietra posta sopra di lei le avrebbero impedito di tornare dalla tomba per vendicarsi dei responsabili della sua incarcerazione e della successiva morte in carcere. È quindi possibile che quest'area di Killoch Glen, a Neilston, fosse l'ultimo luogo di riposo di una persona che si credeva praticasse l'artigianato?

Comentarios


Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Non ci sono ancora tag.
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
bottom of page