top of page
20210202_115608.jpg

Benvenuto nel blog della Scrivente Errante! 

Uno spazio dove conoscere una Mamma, AUTRICE degli ARTICOLI e delle RECENSIONI che troverete su questo blog, appartenente alla generazione dei Millennials di due bambine Cosmopolite, a cui spero di poter dare gli strumenti per realizzare i loro sogni ed essere FELICI! 

Chikaima Maitea e Chimamanda Lavinia vi raccontano la favola del castello di Cenerentola!

La Scrivente Errante vive con le sue bambine in un luogo magico, la Scozia! Avete acquistato il primo libro della Famiglia Cosmopolita? Ecco il link dove potete farlo! (Non è) un cumulo di storie futili - infilaindianaedizioni.com


E ora vi lascio a una storia di un luogo non molto lontano da Paisley! Buona lettura!

doc non vaken cani da slitta
Con le sue torrette e le sue mura colorate di rosa, il castello di Craigievar nell'Aberdeenshire è considerato uno dei modelli per il castello di Cenerentola di Walt Disney. Nel 1648 Sir John Forbes divenne Laird del castello di Craigievar. A causa del colore dei suoi capelli, era conosciuto come "Red" Sir John. Il motto personale di Sir John si trova in diversi punti del castello: DOC NOT VAKEN SLEIPING DOGS
Questa storia potrebbe spiegare il motivo della scelta di queste parole.


Il Maestro di caccia del castello di Craigievar non era un uomo scortese. Gli animali affidati alle sue cure erano ben curati. I cavalli avevano il fieno, i falchi la carne e i segugi, Ferelith e Fintray, avevano ossa da rosicchiare. Così come il padrone era attento alla salute degli animali, era anche molto deciso sul luogo in cui dormivano di notte. Era solito dire: "Il cavallo nella sua stalla. Il falco nel suo posatoio. Il cane nella sua cuccia". Quest'ultima osservazione non piacque al figlio del Laird del castello di Craigievar. Il giovane John Forbes adorava i due segugi. Aiutava a far sì che il loro manto fosse curato e lucido, gli artigli tagliati e i denti puliti. E la cosa che preferiva fare la sera era portare Ferelith e Fintray nel castello di Craigievar, dove si sdraiava accoccolato con loro mentre dormivano davanti al fuoco. Ogni notte, non appena i suoi genitori si accorgevano che Ferelith e Fintray erano in casa, svegliavano i cani dal sonno, aprivano la porta del castello e li rimandavano nelle loro cucce nel cortile della stalla. Una sera in pieno inverno, quando il vento soffiava da nord e il tempo era diventato amaramente freddo, il giovane John Forbes pregò i genitori di non svegliare i cani addormentati, ma di lasciarli rimanere nel castello. Quando la madre scosse la testa, il giovane John la fulminò con rabbia e batté forte i piedi sul pavimento. Il più delle volte, il giovane John era un bambino ragionevolmente educato. Tuttavia, a volte il suo umore poteva diventare incandescente come il rosso dei suoi capelli. In quell'occasione, il piccolo John si mise a gridare, a piangere e a sballottare la sua testa riccioluta color cremisi in preda a gravi capricci. "No, no", disse il padre di John. "I segugi devono andare nelle loro cucce, perché temo più l'ira del padrone della caccia che il tuo carattere rosso". E svegliò Ferelith e Fintray dal sonno, li cacciò dalla porta d'ingresso e la chiuse a chiave. A onor del vero, il giovane John Forbes non voleva che i cani dormissero all'interno del castello di Craigievar per un motivo egoistico. Era perché l'aria era gelida e il cielo era carico di nuvole di neve, per cui pensava che stesse per arrivare una tempesta. E quando il giovane John si svegliò nel cuore della notte e guardò dalla finestra, si vide una bufera di neve. Non riusciva a sopportare il pensiero di Ferelith e Fintray che tremavano nelle loro cucce e decise di andare a portarli dentro al caldo. Il giovane John sapeva che suo padre teneva la chiave della porta del castello al suo fianco. Sapeva anche che, come la maggior parte dei castelli, Craigievar aveva diversi passaggi segreti e uno antico conduceva all'esterno. Non aveva alcun bisogno di aprire la porta del castello! Nel giro di due minuti il giovane John era nel cortile e si dirigeva verso il blocco delle stalle. Ma la neve cadeva fitta e veloce. Il bambino non riusciva a vedere a una mano di distanza dal suo viso e non si era fermato per mettersi le scarpe ai piedi o il cappotto sopra la camicia da notte. Così, nel giro di altri due minuti, tremava per il freddo e aveva perso completamente la strada.
Fu l'ululato dei segugi a svegliare il Maestro di caccia e a far sì che i genitori del giovane John aprissero la porta del castello di Craigievar per scoprire cosa stava succedendo. "I cani stanno impazzendo". Il Maestro di caccia parlò con voce preoccupata. "Sentono che c'è qualcosa che non va, ma non c'è nulla che non vada che io possa vedere".
"Guardate!" La madre del giovane John urlò, indicando delle piccole impronte nella neve: impronte di piedi nudi che si allontanavano dal castello verso le colline e il cuore della tempesta. Con le torce accese, partì una squadra di ricerca. Ma più avanti, il vento e la neve avevano cancellato le tracce del ragazzo e non sapevano dove andare. Ferelith e Fintray, pur avendo un corpo robusto e arti lunghi, stavano faticando tra i cumuli di neve. "I cani non riescono a sentire il suo odore", mormorò il Maestro di caccia. Il padre del giovane John annuì cupamente. "Il ragazzo non resisterà a lungo con questo tempo", disse, e le lacrime gli scesero sulle guance. "È così piccolo e la neve è così alta", singhiozzò la madre del piccolo John. Davanti a loro e intorno a loro, tutto e ovunque era completamente ricoperto di neve. Ma poi Ferelith e Fintray si scatenarono in un guaito frenetico. A voce piena, si diressero verso una piccola collinetta nel paesaggio. Dalla sua sommità spiccava una testa di capelli riccioluti color cremisi. Da quel giorno, il giovane John Forbes divenne noto come Red John e a Ferelith e Fintray fu concessa la libertà del castello di Craigievar, giorno e notte. Quando Red John crebbe, divenne Sir Red John Forbes, il Laird di Craigievar. E prese come motto person


ale: anche i segugi invecchiano, ma sono sempre in sua compagnia. Anche da adulto, Red John si sdraiava, accoccolato con Ferelith e Fintray, a dormire davanti al fuoco del castello di Craigievar.


Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Non ci sono ancora tag.
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
bottom of page