LA PRINCIPESSA DELLA NUVOLA

Buongiorno a tutti, Amici! Ho conosciuto, grazie alle mie due figlie Chikaima Maitea e Chimamanda Lavinia, una storia molto bella raccolta da Nelson Mandela, che per certi versi all'inizio mi ricordava la favola scozzese del selkie. Ho provato a tradurla in italiano, spero che vi piaccia nonostante la traduzione non sia perfetta come l'avrebbe fatta tante donne che ho conosciuto durante questi 34 anni di vita, migliori di me in tutto, dalla bellezza al sesso, alla carriera professionale.
Io sono solo una donna che ha provato a costruire una famiglia Felice e aperta al mondo intero, alle sue storie e alle culture di tutti, perche' concordo con Chimamanda Ngozi Adichie che sono le persone che fanno la cultura e non viceversa.
In questa storia, un uomo e una donna cercano l'approvazione da parte della famiglia di lei del loro amore e, non ricevendola, decidono di vivere ugualmente una bellissima Storia d'amore e costruire il loro regno variopinto e immerso nella bellezza della diversita'.
BUONA LETTURA!


In due occasioni la lepre era sfuggita per un pelo all'uccisione dei cani del capo che possedeva le terre che un giorno l'avrebbero catturata. "Devo coltivare i miei raccolti", ansimava tra sé e sé mentre giaceva esausto sotto un cespuglio, riprendendosi dall'ultimo disperato inseguimento. Era appena riuscito a superare in astuzia i cani che correvano velocemente, tornando indietro, quando loro l'avevano perso di vista per un momento. Il mattino seguente prese la sua zappa e si diresse verso la foresta, dove scelse un pezzo di terra fertile e ben nascosto. Eliminò l'erba e poi scavò e dissodò con cura le zolle. Quando arrivò la sera, tornò alla sua piccola capanna, esausto ma soddisfatto. "Domani pianterò i miei semi di mais e i miei semi di zucca", decise, mentre cucinava le ultime pannocchie di mais rimaste dal suo precedente furto, "o uno di questi giorni quei terribili cani si dimostreranno troppo veloci per me".
Quella notte dormì profondamente. La mattina seguente, dopo aver innaffiato la sua colazione con della birra fatta in casa, la lepre partì per le sue terre dove seminò debitamente i suoi campi. Quando questo fu fatto in modo soddisfacente, tagliò alcune sterpaglie e circondò accuratamente l'appezzamento con un recinto per tenere fuori i cervi. Il tempo fu fortunato, e il raccolto crebbe e prosperò. All'avvicinarsi del tempo del raccolto, le pannocchie di mais si stavano gonfiando e le zucche si stavano arrotondando favorevolmente. Alla fine raccolse i primi frutti del suo lavoro. Mentre sedeva vicino al fuoco per arrostire le pannocchie succose, pensò a quanto fosse stato sciocco a rischiare la sua vita così spesso nel campo di granturco del capo. Ma una mattina trovò, con sua grande irritazione, che le pannocchie di mais erano state beccate da alcune di esse durante la notte. Strane impronte di uccelli, che non aveva mai visto prima, testimoniavano il furto. "Metterò delle trappole per questi ladri di uccelli", si disse, "anche se è strano che vengano di notte". Andò nei pascoli dove pascolava il bestiame del capo e aspettò che i mandriani dormissero prima di strappare alcuni lunghi peli neri dalla coda di una delle mucche. Riportando i capelli al suo appezzamento, li legò in abili nodi scorsoi, che fissò saldamente al suolo. Poi sparse leggermente la terra sui peli in modo che non si vedessero. Completati i preparativi, tornò a casa, deciso a catturare i ladri. Si alzò presto, e mentre si avvicinava alle terre fu felice di sentire il battito d'ali. Guardando oltre il recinto, vide che un uccello era effettivamente intrappolato in una delle trappole, mentre molti dei suoi simili volteggiavano in alto nel cielo, in apparente difficoltà. Mai aveva visto una creatura così bella come il suo prigioniero. I suoi colori erano belli come l'arcobaleno stesso, e in un'ala c'era una piuma nera come la pece di grande lunghezza. "Vuoi saccheggiare il mio giardino, vero?" disse la lepre, afferrando rudemente l'uccello in difficoltà. "Stanotte sarai un buon pasto per me!" E sciogliendo il nodo che lo teneva, portò il suo prigioniero a casa mentre i suoi compagni d'uccello volteggiavano sopra di loro. Stava per ucciderlo, ma prima di farlo estrasse la lunga piuma nera dalla sua ala, pensando di metterla in cima alla sua capanna come avvertimento per altri aspiranti ladri di uccelli. Non appena lo fece, l'uccello scomparve e una bella fanciulla gli si parò davanti. "Ti prego, ridammi la mia piuma magica", gridò lei in lacrime. "Oh, no", rispose il leprotto. "Sei troppo bella per sfuggirmi. Se ti restituisco la tua piuma, diventerai di nuovo un uccello e tornerai a volare dai tuoi compagni. Dov'è la tua casa?" "La mia casa è oltre le nuvole", rispose la bella fanciulla, "dove mio padre regna come re. Io sono la sua unica figlia, e quelle sono le mie fanciulle uccello che girano intorno alla tua capanna. Hanno paura di tornare dai miei genitori senza di me. Ti prego, lasciami andare!" Il leprotto non aveva alcuna intenzione di ascoltare le sue suppliche e nascose la piuma magica nella paglia della sua capanna. Così la principessa delle nuvole fu costretta a rimanere con lui. Egli fu gentile con la sua bella prigioniera. In cambio, lei spazzò la sua capanna e fece tutte le faccende domestiche. Alla fine la vita si stabilizzò in una felice routine per entrambi e, con il passare delle settimane, la Principessa delle Nuvole cominciò ad amare il suo rapitore. Un giorno disse al leprotto che se lui le avesse restituito la sua piuma magica lo avrebbe trasformato in un essere umano come lei. All'inizio lui diffidava di lei, pensando che lei volesse fargli uno scherzo e che sarebbe volata via per sempre. Lei però gli assicurò che lo amava troppo per voler tornare alla sua casa tra le nuvole senza di lui. Alla fine lui le restituì la piuma. Non appena lei tenne la piuma in mano, lo toccò con essa, e lui si trasformò in un bel principe, che subito le chiese di sposarlo. La principessa acconsentì prontamente, a condizione che il matrimonio rimanesse segreto, perché se le sue fanciulle uccello, che spesso venivano a girare intorno alla capanna, avessero detto a suo padre che aveva sposato un uomo della terra, lui l'avrebbe cacciata per sempre dalla sua casa tra le nuvole. Fu così che divennero marito e moglie, vivendo felicemente insieme nella loro piccola capanna. Il re delle nuvole mandò molti messaggi con le sue fanciulle uccello, implorando la figlia di tornare a casa sua. Ma poiché lei si rifiutava continuamente di farlo, decise di uccidere l'uomo che aveva conquistato il suo cuore. A questo scopo, disse alle sue fanciulle di fare amicizia con un picchio e un topo di terra. Quando l'avessero fatto, dovevano dire al picchio di raccogliere il veleno dalla foresta, e il topo, con la sua capacità di entrare nella capanna senza essere visto, di metterlo nel cibo del suo amante. Le due piccole creature accettarono il piano e si appostarono vicino alla capanna per guadagnare la fiducia del principe e della sua bella moglie. Ben presto, però, si affezionarono così tanto al principe e alla principessa che quando venne il momento si rifiutarono di eseguire gli ordini del Re delle Nuvole. Anche se la principessa delle nuvole era molto felice con il suo amato marito, alla fine desiderava rivedere il suo popolo e la sua casa. Ti prego, dammi la mia piuma magica", implorò un giorno il marito, "affinché entrambi possiamo visitare il mio popolo sopra i cieli". Vedendoti, può darsi che acconsentano al nostro matrimonio e che mio padre ti accetti come figlio". Questa richiesta il marito non poté rifiutare, perché lei era stata una buona moglie e lui aveva imparato a fidarsi di lei. Così lui prese la piuma dal suo nascondiglio e lei la piantò nel terreno, dove subito crebbe verso l'alto fino a perforare le nuvole. Chiamando i loro amici, il picchio e il topo, perché li accompagnassero, iniziarono la loro lunga salita verso il cielo. Per primo andò il principe, seguito dalla sua principessa, poi il picchio e, ultimo della fila, il topo. Dopo aver attraversato le nuvole, arrivarono a un'immensa parete. Dove poggiava la punta della piuma c'era l'imbocco di un tunnel, ma il loro cammino era sbarrato da grandi rocce che si incastravano senza soluzione di continuità. "Ora", disse la principessa, "iniziano le nostre difficoltà, perché solo la mia fanciulla più fidata conosce il fermo segreto che muove la roccia che nasconde l'apertura del regno di mio padre". "Nessuna fessura è troppo piccola per me", disse il topo. "Mi farò strada intorno alla roccia finché non la troverò". Girò intorno all'estremità del tunnel, cercando di trovare una nicchia che rivelasse il segreto. Ma per quanto si sforzasse, era un incastro così perfetto che non riusciva a trovare nessun posto che offrisse una presa per il suo affilato dente. "Lasciami provare", disse il picchio, "perché la mia vita è dipesa dal battere i tronchi d'albero con il mio becco, e le mie orecchie individueranno la cavità dove si trova il segreto", Tap, Tap, Tap andò il piccolo e forte becco mentre il picchio perforava la roccia; non lasciando scoperta una parte della superficie. "Ah", disse infine, "sicuramente è qui, perché un'eco cava suona dietro questo punto". Con attenzione raschiò e sondò con il suo becco affilato, trovando alla fine una piccola presa che era della stessa pietra grigia del muro e invisibile all'occhio. Con cautela fece leva e tirò fino a quando finalmente allentò il fermo. E quando lo tirò fuori, la porta di roccia si scostò ed essi si affacciarono su una bellissima terra dove crescevano alberi verdi e i fiumi scintillavano e il bestiame pascolava contento. "Benvenuti nel regno di mio padre", disse la principessa, rivolgendosi al suo principe. Poi guidò la strada nella bella terra, dove presto raggiunsero un grande villaggio con capanne ben costruite e recinti per il bestiame. C'era molta eccitazione tra il popolo delle nuvole per l'inaspettato ritorno della loro principessa. "Ma chi è quest'uomo che hai portato con te?" chiese suo padre quando i saluti furono finiti. "È il mio amico della terra", rispose la figlia, "che ho imparato ad amare, e desidero che diventi mio marito". "Che sciocchezza è questa", chiese con rabbia il re delle nuvole. "Il popolo delle nuvole non ha mai sposato coloro che vivono sulla terra. Deve tornare subito a casa sua". La principessa, però, si rifiutò di ascoltare le parole di suo padre, dicendogli che se avesse mandato via il suo amante, anche lei avrebbe lasciato la casa per sempre. "La sua saggezza è superiore a quella di tutti gli altri uomini", disse al padre, "e tu dovresti accoglierlo come tuo figlio". "Bene", disse il re, vedendo la determinazione della figlia, "lo faremo restare per un po'". Ma pensò di escogitare un piano per uccidere l'uomo di terra in modo tale che sembrasse un incidente. Poi diede ordine di preparare un banchetto di benvenuto. Il topo amava il buon cibo ed era attratto dalla cucina dall'odore della cottura. Si insinuò inosservato per raccogliere le prelibatezze che cadevano sul pavimento. Ma i suoi occhi e le sue orecchie erano acuti, e sentì il capo cuoco discutere gli ordini del re di avvelenare l'uomo di terra. Osservò attentamente, e dopo che tutti i vassoi di cibo scelto erano stati preparati, ne vide uno che veniva messo da parte. Poi il capo mago del re entrò per cospargerlo di una polvere bianca. Il topo non perse tempo e corse dal principe. Arrampicandosi sulla sua spalla, gli sussurrò: "La tua vita è in pericolo! Non mangiare cibo oggi". Poi gli raccontò tutto quello che aveva visto e sentito nella cucina reale. Così il principe fu salvato. Il re era arrabbiato perché il suo piano era fallito, così convocò il suo capo mago. Per assicurarsi che nessuno potesse sentire il piano malvagio, i due ne discussero sotto il grande albero del consiglio.
"Questa volta", disse il re, "devi evocare una potente grandinata sulla grande pianura che si estende fino all'orizzonte tra il mio regno e il territorio vicino. Io manderò l'amante della principessa in missione attraverso la pianura, dove la grandine lo ucciderà". All'insaputa del re, il picchio stava prendendo il sole tra i rami dell'albero, e le sue orecchie acute sentirono la conversazione, così fece qualche piano per conto suo. La mattina seguente, il re mandò a chiamare il principe. "Voglio che tu porti un messaggio", disse, "al mio vicino, al di là della grande pianura che separa i nostri regni. Se dovrai vivere con noi, è saggio che tu conosca la gente che ci circonda". Il mattino seguente il principe partì per il suo viaggio. Ma quando fu a metà strada attraverso la pianura, lontano da qualsiasi tipo di riparo, nuvole nere cominciarono ad addensarsi nel cielo. Lampi feroci lampeggiarono e rullarono tuoni. "Potrei essere ucciso", pensò, e presto la grandine cadde in enormi pezzi di ghiaccio frastagliato. Ma prima che potesse toccare la sua testa, il picchio, che lo aveva seguito senza essere visto, lo coprì con le sue ali magiche. Dicendogli di sdraiarsi, lo protesse dal pericolo proveniente dall'alto.
Quando la tempesta fu passata, si alzò in piedi stordito. Non c'era altro che desolazione a perdita d'occhio. Ma anche se la grandine giaceva in profondità sul terreno, il principe non aveva subito alcun danno. Si può immaginare la rabbia del re quando il principe tornò illeso. Chiamò tutti i suoi maghi. "Dobbiamo organizzare una caccia in onore del principe", decisero infine. "Ci saranno molti cacciatori con i loro archi e le loro frecce, e chi saprà di chi è la freccia che lo ha ucciso? Di nuovo il picchio era seduto in cima all'albero e sentì il piano malvagio. Volò velocemente alla capanna del capo mago, dove preparò un incantesimo. Disse al principe di portarlo nascosto al collo. Questo, gli assicurò, avrebbe allontanato le frecce dal suo corpo. Il giorno della caccia, molti cacciatori cercarono di guadagnare la ricompensa del re uccidendo il principe. Tuttavia, sebbene la loro mira fosse vera, le loro frecce caddero ripetutamente inoffensive a terra senza aver incontrato il loro bersaglio. Ancora una volta il principe tornò illeso. "Mia dolcezza", disse quella notte alla principessa delle nuvole, "tuo padre non avrà pace finché non mi avrà ucciso. E' ora che io ritorni alla mia casa sulla terra". "La vita senza di te, marito mio, sarebbe nulla per me", gli disse lei. "Tornerò con te". Così, nel cuore della notte, quando tutti dormivano profondamente, il principe, la principessa, il picchio e il topo si avvicinarono silenziosamente alla porta che dava sulle nuvole. Quando la principessa lanciò la piuma magica sulla terra molto in basso, essa atterrò sulla porta della piccola capanna del principe. Poi tutti scesero per lasciare per sempre la terra del Popolo delle Nuvole. "Desidera quello che vuoi", disse il picchio al principe, "e il tuo incantesimo te lo darà". "Il mio desiderio più grande di tutti è una casa degna di mia moglie". Subito apparve davanti a loro un bel villaggio, popolato di sudditi che lo salutavano come il loro re. Il bestiame dagli occhi dolci pascolava fino alle ginocchia in verdi pascoli, e una vecchia donna gentile e rugosa guidava un gruppo di fanciulle per condurre la principessa alla sua capanna reale. Il desiderio successivo del principe fu che il topo e il picchio diventassero esseri umani, cosa che avvenne in un batter d'occhio. Poi fu ordinata una festa per celebrare il matrimonio del principe e della sua principessa delle nuvole. Il topo divenne il capo consigliere, e i quattro amici vissero una vecchiaia matura e felice, governando bene e con saggezza il loro popolo.
Post in evidenza
Post recenti