top of page
20210202_115608.jpg

Benvenuto nel blog della Scrivente Errante! 

Uno spazio dove conoscere una Mamma, AUTRICE degli ARTICOLI e delle RECENSIONI che troverete su questo blog, appartenente alla generazione dei Millennials di due bambine Cosmopolite, a cui spero di poter dare gli strumenti per realizzare i loro sogni ed essere FELICI! 

Ma lo sapevate che un re di Scozia e' nato lo stesso giorno di mia figlia Chimamanda Lavinia?

Roberto II (2 marzo 1316 - 19 aprile 1390) fu re di Scozia dal 1371 alla sua morte nel 1390. Figlio di Walter Stewart, 6° Alto intendente di Scozia, e di Marjorie, figlia del re Roberto il Bruto, fu il primo monarca del casato degli Stewart. Alla morte dello zio Davide II, Roberto succedette al trono.


Edoardo Bruce, fratello minore di Roberto il Bruto, fu nominato erede presuntivo, ma Edoardo non aveva figli quando fu ucciso nella battaglia di Faughart il 14 ottobre 1318. Marjorie Bruce era morta probabilmente nel 1317 in un incidente a cavallo e il Parlamento decretò il figlio neonato, Robert Stewart, come erede presuntivo, ma questo decadde il 5 marzo 1324 con la nascita di un figlio, David, da re Robert e dalla sua seconda moglie, Elizabeth de Burgh. Robert Stewart divenne Alto intendente di Scozia alla morte del padre, il 9 aprile 1327, e nello stesso anno il Parlamento confermò il giovane intendente come erede nel caso in cui David fosse morto senza figli. Nel 1329 il re Roberto I morì e il figlio di cinque anni succedette al trono con il nome di Davide II sotto la tutela di Thomas Randolph, 1° conte di Moray.
Edoardo Balliol, figlio del re Giovanni Balliol, assistito dagli inglesi e dai nobili scozzesi che Roberto I aveva diseredato, invase la Scozia infliggendo pesanti sconfitte al partito di Bruce l'11 agosto 1332 a Dupplin Moor e a Halidon Hill il 19 luglio 1333. Robert, che aveva combattuto ad Halidon, raggiunse lo zio David rifugiandosi nel castello di Dumbarton. David fuggì in Francia nel 1334 e il Parlamento, ancora in funzione, nominò Robert e John Randolph, III conte di Moray, custodi congiunti del regno. Gli inglesi catturarono Randolph nel luglio del 1335 e, nello stesso anno, Robert si sottomise a Balliol, provocando la rimozione della sua tutela. La sua precedente posizione fu ripristinata nel 1338 fino al ritorno di Davide dalla Francia nel giugno 1341. Le ostilità continuarono e Robert si trovò con David alla Neville's Cross il 17 ottobre 1346 e riuscì a scappare o a fuggire dal campo. David, invece, fu catturato e rimase prigioniero fino al suo riscatto nell'ottobre 1357.
Robert sposò Elizabeth Mure intorno al 1348, legittimando i loro quattro figli e cinque figlie. Il suo successivo matrimonio con Euphemia de Ross nel 1355 produsse due figli e due figlie superstiti. Nel 1363 Robert si ribellò al re David, ma si sottomise a lui in seguito a una minaccia al suo diritto di successione. David morì nel 1371 e Robert gli succedette all'età di cinquantacinque anni. I magnati di frontiera continuarono ad attaccare le zone tenute dagli inglesi nel sud della Scozia e nel 1384 gli scozzesi avevano ripreso la maggior parte delle terre occupate. Roberto si assicurò che la Scozia fosse inclusa nella tregua anglo-francese del 1384 e questo fu un fattore nel colpo di stato di novembre, quando perse il controllo del Paese prima a favore del figlio maggiore, Giovanni, e poi, dal 1388, del fratello minore di Giovanni, Roberto. Roberto II morì nel castello di Dundonald nel 1390 e fu sepolto nell'abbazia di Scone.
Robert Stewart, nato nel 1316, era l'unico figlio della figlia di re Roberto I, Marjorie Bruce, morta di parto o poco dopo, e di Walter Stewart, sesto alto intendente di Scozia. Robert ebbe un'educazione da nobile gaelico nelle terre degli Stewart a Bute, nel Clydeside e a Renfrew. Nel 1315, il Parlamento revocò a Marjorie Bruce il diritto di erede del padre a favore dello zio, Edward Bruce. Edoardo fu ucciso nella battaglia di Faughart, vicino a Dundalk, il 14 ottobre 1318, il che portò a un Parlamento organizzato in fretta e furia a dicembre per promulgare una nuova tailzie che nominava il figlio di Marjorie, Robert, come erede nel caso in cui il re fosse morto senza un successore. [La nascita di un figlio, poi Davide II, da re Roberto il 5 marzo 1324 annullò la posizione di Robert Stewart come erede presuntivo, ma un Parlamento a Cambuskenneth nel luglio 1326 lo ristabilì nella linea di successione nel caso in cui Davide fosse morto senza eredi. Questa reintegrazione del suo status fu accompagnata dalla donazione di terre nell'Argyll, nel Roxburghshire e nei Lothian.
Il castello di Dumbarton sulla Dumbarton Rock dove Robert Stewart e il re David si rifugiarono nel 1333
La prima guerra d'indipendenza ebbe inizio durante il regno di re Giovanni Balliol. Il suo breve regno fu ostacolato dall'insistenza di Edoardo I sulla sua sovranità in Scozia. La leadership scozzese giunse alla conclusione che solo la guerra avrebbe potuto liberare il Paese dal continuo indebolimento della sovranità di Balliol da parte del re inglese e così, nell'ottobre del 1295, concluse un trattato di assistenza reciproca con la Francia. Gli scozzesi fecero incursione in Inghilterra nel marzo 1296: questa incursione, insieme al trattato francese, fece infuriare il re inglese, che provocò un'invasione della Scozia prendendo Berwick il 30 marzo e sconfiggendo poi l'esercito scozzese a Dunbar il 27 aprile. John Balliol si sottomise a Edoardo e gli rassegnò il trono prima di essere inviato a Londra come prigioniero. Nonostante ciò, la resistenza agli inglesi guidata da William Wallace e Andrew Moray era emersa nel nome del re John Balliol. Alla loro morte, Robert the Bruce continuò a resistere agli inglesi e alla fine riuscì a sconfiggere le forze di Edoardo II d'Inghilterra, ottenendo per sé il trono scozzese.
David Bruce, all'età di cinque anni, divenne re il 7 giugno 1329 dopo la morte del padre Robert. Walter l'intendente era morto in precedenza, il 9 aprile 1327, e l'undicenne Robert, rimasto orfano, fu posto sotto la tutela dello zio, Sir James Stewart di Durrisdeer, che insieme a Thomas Randolph, conte di Moray, e William Lindsey, arcidiacono di St Andrews, furono nominati custodi congiunti del regno. [Nel 1332 Edward Balliol, figlio del deposto John Balliol, guidò un attacco alla sovranità dei Bruce con il tacito sostegno di re Edoardo III d'Inghilterra e l'esplicita approvazione dei "diseredati". Le forze di Edward Balliol inflissero pesanti sconfitte ai sostenitori dei Bruce a Dupplin Moor l'11 agosto 1332 e di nuovo a Halidon Hill il 19 luglio 1333, a cui partecipò il diciassettenne Robert. I possedimenti di Robert furono invasi da Balliol, che li concesse a David Strathbogie, conte titolare di Atholl, ma Robert sfuggì alla cattura e ottenne protezione nel castello di Dumbarton, dove si era rifugiato anche il re David. [Nell'inverno del 1333 pochissime altre roccaforti rimasero in mano agli scozzesi: solo i castelli di Kildrummy (tenuto da Christina Bruce, sorella maggiore di Roberto I e moglie di Andrew Murray di Bothwell), Loch Leven, Loch Doon e Urquhart resistettero alle forze del Balliol.
Nel maggio del 1334, la situazione sembrava critica per la casa di Bruce e Davide II si mise al sicuro in Francia. Roberto si mise a riconquistare le sue terre nella Scozia occidentale. [Strathbogie passò all'interesse dei Bruce dopo i disaccordi con i suoi compagni "diseredati", ma la sua feroce opposizione a Randolph giunse al culmine durante il Parlamento tenutosi al castello di Dairsie all'inizio del 1335, quando Strathbogie ricevette l'appoggio di Roberto. Strathbogie cambiò ancora una volta schieramento sottomettendosi al re inglese in agosto e fu nominato guardiano della Scozia. Robert si sottomise probabilmente a Edoardo nel settembre 1335, rinunciando alla tutela all'inizio di dicembre.
La resistenza dei Bruce a Balliol poteva essere sul punto di crollare nel 1335, ma una svolta nelle sue sorti iniziò con l'apparizione di Sir Andrew Moray di Bothwell come potente condottiero nella battaglia di Culblean. [Moray era stato catturato nel 1332, si era riscattato nel 1334 e si era subito spinto a nord per assediare il castello di Dundarg a Buchan, tenuto da Sir Henry de Beaumont, che cadde il 23 dicembre 1334. Moray fu nominato guardiano a Dunfermline durante l'inverno 1335-36 mentre assediava il castello di Cupar a Fife. Moray morì nel suo castello di Avoch nel 1338 e Robert riprese la tutela. La campagna di Murray mise fine a qualsiasi possibilità che Edoardo III avesse un controllo duraturo sul sud della Scozia e il fallimento di Edoardo nell'assedio di sei mesi del castello di Dunbar lo confermò. [Balliol perse molti dei suoi principali sostenitori a favore di Bruce e le principali guarnigioni inglesi cominciarono a cadere a favore degli Scozzesi-Cupar nella primavera o nell'estate del 1339, Perth fu presa dagli eserciti combinati di Sir William Douglas, Signore di Liddesdale, Robert Stewart e Maurice Murray di Drumsargard nel giugno 1339.[21] Edimburgo fu presa con uno stratagemma da William Douglas di Liddesdale nell'aprile del 1341.
John Randolph fu rilasciato dalla custodia inglese in uno scambio di prigionieri nel 1341 e visitò Davide II in Normandia prima di tornare in Scozia. Così come Randolph era un favorito del re, Davide II diffidava di Robert Stewart, con le sue potenti posizioni di erede presuntivo e di tutore della Scozia. All'inizio di giugno del 1341, il regno appariva sufficientemente stabile da permettere al re di tornare in una terra in cui i suoi nobili, pur combattendo per la causa bruzia, avevano notevolmente aumentato le proprie basi di potere. [Il 17 ottobre 1346, Roberto accompagnò Davide in battaglia a Neville's Cross, dove morirono molti nobili scozzesi, tra cui Randolph. Davide II fu ferito e catturato, mentre Roberto e Patrizio, conte di March, erano apparentemente fuggiti dal campo.
I re di Francia e Scozia, i vescovi Guglielmo di St. Andrews, Guglielmo di Glasgow, Guglielmo di Aberdeen, Riccardo di Dunkeld, Martino di Argyle, Adamo di Brechin e Maurizio di Dunblane. Significato che, sebbene Elisabetta Mor e Isabella Boutellier, nobili dame della diocesi di Glasgow, siano imparentate in terzo e quarto grado di parentela, Robert Steward di Scozia, signore di Stragrifis, nella diocesi di Glasgow, nipote del re, conobbe carnalmente prima Isabella e poi, ignorando la loro parentela, Elisabetta, che era a sua volta imparentata con Robert in quarto grado di parentela, vivendo con lei per qualche tempo e avendo da lei molti figli di entrambi i sessi; Il re e i vescovi di cui sopra pregano pertanto il papa di concedere a Roberto ed Elisabetta, per il bene della suddetta prole, che è bella da vedere (aspectibus gratiose), la dispensa dal matrimonio e di dichiarare legittima la loro prole.
Da concedere da parte del diocesano, a cui spetta la decisione di fondare una o più cappelle da parte di Roberto.
Con il re ormai imprigionato in Inghilterra e Randolph morto, la tutela passò ancora una volta a Roberto.[26] Nel 1347 egli compì l'importante passo di assicurare la legittimazione dei suoi quattro figli, John, conte di Carrick (il futuro re Roberto III), Walter, signore di Fife (morto nel 1362), Robert (il futuro re di Fife). 1362), Robert (futuro Duca di Albany) e Alexander, Signore di Badenoch (e futuro Conte di Buchan), e sei figlie, presentando una petizione a Papa Clemente VI per consentire un matrimonio di diritto canonico con Elisabetta Mure.
Anche se prigioniero inglese, David mantenne la sua influenza in Scozia e Robert fece rimuovere la sua tutela dal Parlamento e la affidò congiuntamente ai conti di Mar e Ross e al signore di Douglas; ciò non durò e Robert fu nuovamente nominato tutore dal Parlamento del febbraio 1352. David, rilasciato sulla parola, partecipò a questo Parlamento per presentare a Robert e ai membri dei Tre Stati le condizioni per il suo rilascio. Queste non contenevano alcuna richiesta di riscatto, ma richiedevano che gli scozzesi nominassero il principe inglese Giovanni di Gaunt come erede presuntivo. Il Consiglio rifiutò queste condizioni, con Roberto che si oppose a una proposta che minacciava il suo diritto di successione.[29] Il re non ebbe altra scelta che tornare in cattività - il cronista inglese Henry Knighton scrisse dell'evento:
... gli scozzesi rifiutarono di avere il loro re a meno che non rinunciasse completamente all'influenza degli inglesi, e allo stesso modo rifiutarono di sottomettersi a loro. E lo avvertirono che non lo avrebbero riscattato né avrebbero permesso che fosse riscattato, a meno che non li perdonasse per tutte le azioni e le ferite che avevano fatto e per tutti i reati che avevano commesso durante la prigionia, e che desse loro una garanzia per questo, altrimenti minacciarono di scegliere un altro re per governarli.
Nel 1354 le trattative in corso per il rilascio del re raggiunsero uno stadio in cui fu concordata una proposta di pagamento di un riscatto diretto di 90.000 marchi da restituire in nove anni, garantito dalla fornitura di 20 ostaggi di alto rango; questa intesa fu distrutta da Roberto quando vincolò gli scozzesi a un'azione francese contro gli inglesi nel 1355. La cattura di Berwick e la presenza dei francesi sul suolo inglese spinsero Edoardo III a muoversi contro gli scozzesi: nel gennaio 1356 Edoardo guidò le sue forze nel sud-est della Scozia e bruciò Edimburgo, Haddington e gran parte dei Lothians in una campagna che divenne nota come la "Candelora bruciata". Dopo la vittoria di Edoardo sulla Francia in settembre, gli scozzesi ripresero le trattative per il rilascio di David, che si conclusero nell'ottobre 1357 con il Trattato di Berwick. I suoi termini prevedevano che, in cambio della libertà di Davide, venisse pagato un riscatto di 100.000 marchi in rate annuali per dieci anni; inizialmente vennero completati solo i primi due pagamenti e non se ne fece più nulla fino al 1366.[33] Il mancato rispetto delle condizioni del trattato di Berwick permise a Edoardo di continuare a fare pressioni per ottenere un successore plantageneto per Davide, condizioni che vennero rifiutate dal Consiglio scozzese e probabilmente dallo stesso Roberto. Ciò potrebbe essere stato la causa di una breve ribellione nel 1363 da parte di Roberto e dei conti di Douglas e March.[35] In seguito, gli incentivi francesi non riuscirono a portare Davide in loro aiuto e il Paese rimase in pace con l'Inghilterra durante il suo regno.
Davide morì senza figli il 22 febbraio 1371 e gli succedette Roberto II. Davide fu sepolto quasi subito nell'Abbazia di Holyrood, ma una protesta armata da parte di William, conte di Douglas, ritardò l'incoronazione di Roberto II fino al 26 marzo 1371.[38] Le ragioni dell'incidente rimangono poco chiare, ma potrebbero riguardare una disputa sul diritto di successione di Roberto,[39] oppure potrebbero essere state rivolte contro George Dunbar, conte di March (noto anche come conte di Dunbar) e il giustiziere del sud, Robert Erskine. [40] La questione si risolse con Robert che diede la figlia Isabella in sposa al figlio di Douglas, James, e con Douglas che sostituì Erskine come giustiziere a sud del Forth.[41] L'ascesa di Robert influenzò alcuni altri che avevano ricoperto cariche da Davide II. In particolare, il fratello di George Dunbar, John Dunbar, il Signore di Fife, perse la sua pretesa su Fife e il figlio di Sir Robert Erskine, Sir Thomas Erskine, perse il controllo del Castello di Edimburgo.[42]
Gli Stewart aumentarono notevolmente i loro possedimenti a ovest, nell'Atholl e nell'estremo nord: le contee di Fife e Menteith andarono al secondo figlio sopravvissuto di Roberto, Robert; le contee di Buchan e Ross (insieme alla signoria di Badenoch) al suo quarto figlio, Alexander; e le contee di Strathearn e Caithness al figlio maggiore del suo secondo matrimonio, David. [43] I generi di re Roberto erano John MacDonald, signore delle isole, John Dunbar, conte di Moray e James, che sarebbe diventato il secondo conte di Douglas. [I figli di Robert, John, conte di Carrick, erede del re, e Robert, conte di Fife, furono nominati rispettivamente custodi dei castelli di Edimburgo e di Stirling, mentre Alexander, signore di Badenoch e Ross, e in seguito conte di Buchan, divenne il giudice e luogotenente del re nel nord del regno. [Questo rafforzamento del potere della famiglia Stewart non sembrò causare risentimento tra i magnati più anziani: in genere il re non minacciava i loro territori o il loro dominio locale e, quando i titoli venivano trasferiti ai suoi figli, gli individui interessati erano di solito molto ben ricompensati. [Questo stile di regalità era molto diverso da quello del suo predecessore: Davide cercò di dominare i suoi nobili, mentre la strategia di Roberto fu quella di delegare l'autorità ai suoi potenti figli e conti, cosa che in genere funzionò per il primo decennio del suo regno.[43] Roberto avrebbe avuto influenza su otto delle quindici contee o attraverso i suoi figli direttamente o attraverso matrimoni strategici delle sue figlie con potenti signori.[43]
Roberto il guerriero e il cavaliere: il rovescio del Grande Sigillo di Roberto II, migliorato da un'incisione in acciaio del XIX secolo
Nel 1373, Roberto assicurò la sicurezza futura della dinastia Stewart facendo approvare dal Parlamento i vincoli di successione. A quel tempo, nessuno dei suoi figli aveva eredi, per cui si rese necessaria l'elaborazione di un sistema che definisse con precisione le circostanze in cui ciascuno dei suoi figli avrebbe potuto ereditare la corona, senza che ciò avesse la precedenza sulla normale successione per primogenitura. [Nel 1375 il re aveva commissionato a John Barbour il poema The Brus, una storia destinata a rafforzare l'immagine pubblica degli Stewart come autentici eredi di Roberto I. Il poema descriveva gli atti patriottici compiuti sia da Sir James, il Nero Douglas, sia da Walter lo Steward, padre del re, nel loro sostegno a Bruce. [43] Il governo di Roberto durante gli anni '70 del XIII secolo vide le finanze del Paese stabilizzarsi e migliorare notevolmente grazie, in parte, al fiorente commercio della lana, alla riduzione delle richieste alle casse pubbliche e all'interruzione del pagamento del riscatto da parte del suo predecessore alla morte di Edoardo III d'Inghilterra.[11] Roberto - a differenza di Davide II, la cui regalità era prevalentemente basata sul Lothian e quindi sulle pianure - non limitò la sua attenzione a un solo settore del regno, ma visitò spesso le aree più remote del nord e dell'ovest tra i suoi signori gaelici.[46]
Roberto governava su un Paese che continuava ad avere enclavi inglesi all'interno dei suoi confini e scozzesi che prestavano fedeltà al re d'Inghilterra: gli importanti castelli di Berwick, Jedburgh, Lochmaben e Roxburgh avevano guarnigioni inglesi e controllavano il Berwickshire meridionale, Teviotdale e vaste aree di Annandale e Tweeddale. [Nel giugno del 1371, Roberto accettò un trattato difensivo con i francesi e, sebbene nel 1372 non ci fossero vere e proprie ostilità, le guarnigioni inglesi vennero rafforzate e poste in uno stato di maggiore vigilanza.[48] Gli attacchi alle zone controllate dagli inglesi, con l'appoggio quasi certo di Roberto, iniziarono nel 1373 e si accelerarono negli anni 1375-77. Ciò indica che probabilmente la decisione centrale era stata presa. Ciò indicava che probabilmente era stata presa una decisione centrale per l'escalation del conflitto, piuttosto che i precedenti attacchi su piccola scala dei baroni di confine.[49] Nel 1376, il conte di March recuperò con successo Annandale, ma poi si trovò costretto dalla tregua anglo-francese di Bruges.[50]
L'abbazia di Dunfermline che ricevette il priorato di Coldingham come casa figlia da re Roberto
Nei suoi rapporti con Edoardo III, Roberto incolpò i suoi magnati di frontiera per l'intensificarsi degli attacchi alle zone inglesi; a prescindere da ciò, gli scozzesi mantennero le terre riconquistate, spesso ripartite tra i signori minori, per garantire il loro interesse a impedire il riappropriarsi degli inglesi.[51] Nonostante le ulteriori condanne di Roberto nei confronti dei suoi signori di frontiera, tutto lasciava intendere che Roberto appoggiasse la crescente militanza scozzese di successo dopo la morte di Edoardo III nel 1377. [In una carta datata 25 luglio 1378, il re decretò che il Priorato di Coldingham non sarebbe più stato una casa figlia del Priorato inglese di Durham, ma sarebbe stato annesso all'Abbazia di Dunfermline. [All'inizio di febbraio gli scozzesi - apparentemente ignari della conclusione della tregua anglo-francese del 26 gennaio 1384 che includeva gli scozzesi nel cessate il fuoco - condussero un attacco a tutto campo contro le zone inglesi riconquistando il castello di Lochmaben e Teviotdale.[53] Giovanni di Gaunt guidò un attacco inglese reciproco che lo portò fino a Edimburgo, dove i borghesi lo corruppero per lasciare la città illesa. Carrick e James, conte di Douglas (suo padre William era morto in aprile),[55] volevano una rappresaglia per l'incursione di Gaunt. Robert potrebbe aver concluso che, poiché i francesi avevano rinnegato un precedente accordo per l'invio di aiuti nel 1383 e poi avevano stipulato una tregua con l'Inghilterra, qualsiasi azione militare sarebbe stata accolta con una rappresaglia e con l'esclusione dalle imminenti trattative di pace di Boulogne. [Il 2 giugno 1384 Roberto decise di inviare Walter Wardlaw, vescovo di Glasgow, alle trattative di pace anglo-francesi, ma Carrick lo ignorò e permise che venissero compiute incursioni nel nord dell'Inghilterra.[56] Nonostante ciò, il 26 luglio gli scozzesi facevano parte della tregua che sarebbe scaduta in ottobre. Roberto convocò un Consiglio a settembre, probabilmente per decidere come procedere una volta conclusa la tregua.[57]
Perdita di autorità e morte
Una miniatura medievale che raffigura la battaglia di Otterburn in cui fu ucciso lo stretto alleato di Carrick, James, conte di Douglas.
Il figlio di Robert, John, conte di Carrick, era diventato il principale magnate degli Stewart a sud del Forth, proprio come Alexander, conte di Buchan, a nord.[58] Le attività e i metodi di amministrazione reale di Alexander, attuati da mercenari gaelici, attirarono le critiche dei conti e dei vescovi del nord e del fratellastro David, conte di Strathearn. Queste lamentele danneggiarono la posizione del re all'interno del Consiglio e portarono a criticare la sua capacità di frenare le attività di Buchan.[59] Le divergenze di Roberto con l'affinità di Carrick riguardo alla conduzione della guerra e la sua continua incapacità o riluttanza a trattare con Buchan nel nord portarono alla convulsione politica del novembre 1384, quando il Consiglio tolse al re l'autorità di governare e nominò Carrick luogotenente del regno: era avvenuto un colpo di Stato.[43][60] Con Roberto messo in disparte, non c'era più alcun impedimento alla guerra. Nel giugno del 1385, una forza di 1200 soldati francesi si unì agli scozzesi in una campagna che coinvolse il conte di Douglas e due dei figli di Roberto, John, conte di Carrick e Robert, conte di Fife.[61] Le schermaglie videro piccoli guadagni, ma un litigio tra i comandanti francesi e scozzesi portò all'abbandono di un attacco all'importante castello di Roxburgh.[62]
Il castello di Dundonald, dove Roberto II morì nel 1390
La vittoria degli scozzesi sugli inglesi nella battaglia di Otterburn, nel Northumberland, nell'agosto 1388, determinò la caduta di Carrick dal potere. Una delle vittime scozzesi fu lo stretto alleato di Carrick, Giacomo, conte di Douglas. Douglas morì senza eredi, il che portò a diverse rivendicazioni sul titolo e sulle proprietà: Carrick appoggiò Malcolm Drummond, marito della sorella di Douglas, mentre Fife si schierò con l'appellante vincente, Sir Archibald Douglas, conte di Wigtown e signore di Galloway, che possedeva un'eredità sulle proprietà di Douglas. [63] Fife, ora con il suo potente alleato Douglas, e coloro che sostenevano il re si assicurarono un controgolpe alla riunione del Consiglio di dicembre, quando la tutela della Scozia passò da Carrick (che era stato recentemente gravemente ferito da un calcio di cavallo) a Fife. [63][64] Molti avevano anche approvato l'intenzione di Fife di risolvere adeguatamente la situazione di illegalità nel nord e in particolare le attività di suo fratello minore, Buchan.[64] Fife sollevò Buchan dalle cariche di luogotenente del nord e di justiciar a nord del Forth. Quest'ultimo ruolo fu affidato al figlio di Fife, Murdoch Stewart. Roberto II fece un tour nel nord-est alla fine di gennaio del 1390, forse per rafforzare il cambiamento della scena politica nel nord dopo la rimozione di Buchan dall'autorità.[65] A marzo, Roberto tornò al castello di Dundonald nell'Ayrshire, dove morì il 19 aprile e fu sepolto a Scone il 25 aprile.[66]
Storiografia
Il regno di Roberto II è stato rivalutato dalle opere degli storici Gordon Donaldson (1967) e Ranald Nicholson (1974). Donaldson ammette la mancanza di conoscenze (all'epoca in cui scriveva) sul regno di Roberto e ammette che i primi cronisti che scrissero vicino al suo regno trovarono poco da criticare.[67] La carriera di Roberto prima e dopo la sua successione al trono è descritta da Donaldson come "a dir poco indistinta, e il suo regno non fece nulla per darle lustro". "Donaldson si spinge oltre e discute la legalità del matrimonio di diritto canonico tra Roberto ed Elisabetta Mure in seguito alla dispensa papale, ma riconosce che gli Atti di Successione del 1371 e del 1372, pur chiudendo la questione agli occhi del Parlamento, non posero fine alla faida generazionale dei discendenti di Elisabetta Mure ed Eufemia Ross. [Secondo Donaldson, la precedente partecipazione di Roberto ai combattimenti nelle battaglie di Halidon e Neville's Cross lo aveva reso diffidente nell'autorizzare spedizioni militari contro gli inglesi e gli aveva nascosto qualsiasi azione di questo tipo da parte dei suoi baroni.[70] Analogamente, Nicholson descrive il regno di Roberto come carente e la sua mancanza di capacità di governo portò a lotte interne. Nicholson afferma che il conte di Douglas fu comprato dopo la sua dimostrazione armata poco prima dell'incoronazione di Roberto e associa questo fatto al dubbio sulla legittimità dei figli di Roberto con Elisabetta Mure.[71]
Al contrario, gli storici Stephen Boardman (2007), Alexander Grant (1984 e 1992) e Michael Lynch (1992) danno una valutazione più equilibrata della vita di Roberto II.[71] Gli storici moderni mostrano un regno che era diventato più ricco e più stabile, in particolare durante il primo decennio del suo governo. [Boardman spiega che Roberto II fu sottoposto a una propaganda negativa mentre era Alto Amministratore - i seguaci di Davide II denigrarono la sua condotta durante le sue luogotenenze e le descrissero come "tirannia" - e di nuovo più tardi come re, quando i sostenitori di suo figlio Giovanni, conte di Carrick, dissero che Roberto era un re privo di slancio e di risultati, appesantito dall'età e inadatto a governare.[72][73] Anche l'associazione di Roberto II con la Scozia gaelica attirò critiche. Cresciuto nelle terre occidentali dei suoi antenati, Roberto era completamente a suo agio con la lingua e la cultura gaelica e possedeva un potente rapporto con i signori gaelici delle Ebridi, dell'alto Perthshire e di Argyll. Durante tutto il suo regno, Roberto trascorse lunghi periodi nelle sue terre d'origine gaeliche e le lamentele dell'epoca nella Scozia di pianura sembrano essere state influenzate dall'opinione che il re fosse troppo coinvolto nelle questioni gaeliche.[74] Boardman afferma inoltre che molte delle opinioni negative su Roberto II trovano origine negli scritti del cronista francese Jean Froissart, il quale riportò che "il re aveva gli occhi rossi e sanguinanti, del colore del legno di sandalo, che mostravano chiaramente che non era un uomo valoroso, ma uno che sarebbe rimasto a casa piuttosto che marciare sul campo". [75] Contrariamente all'opinione di Froissart, i primi cronisti scozzesi - Andrea di Wyntoun e Walter Bower (che utilizzarono entrambi una fonte quasi contemporanea a Roberto II) - e i cronisti e i poeti scozzesi del XV e XVI secolo mostrarono "Roberto II come un eroe patriottico scozzese, un difensore dell'integrità del regno scozzese e come l'erede diretto di Roberto I".[76]
Grant (1992) riconosce che il regno di Roberto II, in termini di politica estera e interna, non fu "così fallimentare".[77] Per quanto riguarda la reazione di William, conte di Douglas, che inscenò una dimostrazione armata prima dell'incoronazione di Roberto, Grant non ritiene che Douglas stesse in qualche modo dimostrando contro il legittimo diritto al trono di Roberto, ma più che altro un'affermazione del fatto che il patrocinio reale non dovesse continuare come ai tempi di Davide II. Grant sostiene inoltre che la dimostrazione fosse rivolta a padre e figlio Robert e Thomas Erskine, che detenevano i castelli di Edimburgo, Stirling e Dumbarton dal predecessore di Roberto.[77] Grant mette seriamente in dubbio l'attendibilità degli scritti di Froissart come fonte efficace per il regno di Roberto II.[78] Influenti coalizioni di magnati guidate da Carrick, dopo aver minato la posizione del re, manipolarono il Consiglio del novembre 1384 per rimuovere Roberto II da ogni potere reale. [Grant dà poco peso all'asserita senilità di Roberto e suggerisce che la deposizione di Carrick nel 1388, e poi la decisione di aderire alla tregua anglo-francese del 1389, furono entrambe su istigazione di Roberto II.[80] Tuttavia, l'autorità non fu restituita a Roberto II, ma al fratello minore di Carrick, Robert, conte di Fife; in questo modo il re fu ancora una volta a disposizione di uno dei suoi figli. [81] Nonostante ciò, la fonte ora sconosciuta su cui si sono basati sia Wyntoun che Bower ha sottolineato che Fife si rimetteva al padre per gli affari di stato, sottolineando la differenza di stile nelle tutele dei due figli.[82]
Michael Lynch sottolinea che il regno di Roberto II dal 1371 fino alla luogotenenza di Carrick nel 1384 era stato esemplificato da una continua prosperità e stabilità, un periodo che l'abate Bower descrisse come un periodo di "tranquillità, prosperità e pace". [83] Lynch suggerisce che i problemi degli anni '50 del XIV secolo tra Giacomo II e i Douglas (che alcuni storici hanno interpretato come l'eredità della politica di Roberto II di incoraggiare le signorie potenti), fossero una continuazione dell'accumulo di signori locali nelle Marche e in Galloway da parte di Davide II: Roberto si accontentò del governo per lasciare soli i Douglas e i conti Stewart nei loro feudi. [84] L'indebolimento del governo, semmai, suggerisce Lynch, non avvenne prima del colpo di Stato del 1384, ma dopo, anche se il colpo di Stato aveva alla base il favore di Roberto II per il suo terzo figlio, Alexander Stewart, conte di Buchan (noto come "il Lupo di Badenoch").[85]
Matrimoni e discendenza
Nel 1336 sposò per la prima volta Elizabeth Mure (morta nel 1355), figlia di Sir Adam Mure di Rowallan. Il matrimonio fu criticato perché non canonico, così la risposò nel 1349 dopo aver ricevuto una dispensa papale nel 1347.[86]
Da questa unione, dieci figli raggiunsero l'età adulta:[87]
Giovanni (morto nel 1406), che divenne re di Scozia come Roberto III, sposò Anabella Drummond.
Walter (morto nel 1362), marito di Isabella MacDuff, contessa di Fife.
Robert, conte di Fife e dal 1398 duca di Albany (morto nel 1420), sposò nel 1361 Margaret Graham, contessa di Menteith, e la sua seconda moglie nel 1381 Muriella Keith (morta nel 1449).
Alexander Stewart, conte di Buchan (morto nel 1405), soprannominato "il lupo di Badenoch", sposò nel 1382 Eufemia di Ross.
Margaret, sposò John di Islay, signore delle isole.
Marjorie, sposò John Dunbar, conte di Moray, poi Sir Alexander Keith.
Elizabeth, sposò Thomas de la Hay, Lord High Constable di Scozia.
Isabel (morta nel 1410), sposò James Douglas, II conte di Douglas (morto nel 1388), seguito nel 1389 da John Edmonstone di Ilk.
Johanna (Jean), sposò Sir John Keith (morto nel 1375), poi John Lyon, signore di Glamis (morto nel 1383) e, infine, Sir James Sandilands.
Katherine, sposò Sir Robert Logan di Grugar e Restalrig, Lord High Admiral di Scozia.
Nel 1355, Robert sposò la sua seconda moglie Euphemia de Ross (morta nel 1387), figlia di Hugh, conte di Ross. Ebbero quattro figli:[87]
David Stewart, conte di Strathearn, nato nel 1356 circa e morto nel 1389.
Walter Stewart, conte di Atholl, nato nel 1360 circa e decapitato a Edimburgo nel 1437 per essere stato coinvolto nell'assassinio del re Giacomo I.
Elisabetta, che sposò nel 1380 David Lindsay, I conte di Crawford.
Egidia, che sposò nel 1387 William Douglas di Nithsdale.
Re Roberto II ebbe anche molti figli illegittimi con diverse amanti, tra cui quattro figli con la sua favorita Mariota de Cardeny, figlia di Sir John Cardeny e vedova di Alexander Mac Naugthon:
Alexander Stewart, di Inverlunan
Sir John Stewart, di Cardeny
James Stewart, di Abernethy e Kinfauna
Walter Stewart
Da Moira Leitch (secondo la tradizione):
Sir John Stewart, sceriffo di Bute (1360 - 1445/9), antenato dei marchesi di Bute[88][89]
Altri figli nati da donne sconosciute:[88]
John Stewart, signore di Burley (ucciso nel 1425)
Alexander Stewart, canonico di Glasgow
Sir Alexander Stewart di Inverlunan
Thomas Stewart, arcidiacono di St Andrews, decano di Dunkeld
James Stewart di Kinfauns
Walter Stewart
Maria o Mary Stewart, moglie di Sir John de Danielstoun e madre di Sir Robert de Danielstoun di quell'Ilk (antenato di Cunningham di Kilmaurs e Maxwell di Calderwood)[90]
Antenati
Antenati di Roberto II di Scozia
Rappresentazioni romanzate
Roberto II è stato raffigurato in romanzi storici. Tra questi ricordiamo:
The Three Perils of Man; or, War, women, and witchcraft (1822) di James Hogg. Il racconto si svolge durante il regno di Roberto II, il cui "Paese godeva di felicità e pace, tranne una parte confinante con i confini dell'Inghilterra". Parte dell'azione si svolge a Palazzo Linlithgow, dove Robert promette di sposare sua figlia Margaret Stewart "al cavaliere che toglierà il castello di Roxburgh dalle mani degli inglesi". Margaret aggiunge le proprie condizioni, ovvero che "nel caso in cui egli tenti e non riesca nell'impresa, perderà tutte le sue terre, castelli, città e torri a mio favore". In assenza di volontari, Margaret giura di prendere il castello da sola, sconfiggendo Lord Musgrave e la sua amante Jane Howard.
The Lords of Misrule (1976) di Nigel Tranter. Copre gli eventi dal 1388 al 1390 circa e descrive gli ultimi anni di Roberto II e l'ascesa al trono di Roberto III di Scozia. Mentre l'anziano re è diventato "debole, stanco e mezzo cieco", i suoi figli, le sue figlie e altri nobili si battono per il potere. Una Scozia non governata è devastata dai loro conflitti. Robert Stewart, duca di Albany, e Alexander Stewart, conte di Buchan, sono protagonisti.
Courting Favour (2000) di Nigel Tranter. Segue la carriera di John Dunbar, conte di Moray, presso le corti di Davide II di Scozia e Roberto II. John è genero di quest'ultimo e lo serve come diplomatico.

Comments


Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Non ci sono ancora tag.
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
bottom of page