GRATITUDINE, RIMPIANTI E SOGNI NEL CASSETTO IRREALIZZATI


Ed eccoci qui, a un mese dai 32 anni, a fare i conti con il tempo che avanza, inesorabilmente. Non si puo’ dire che tu non sia felice, no. La vita ti ha sorpreso sia in positive sia in negativo. Persone che non avrebbero mai dovuto andarsene non hanno resistito e non sono piu’ al tuo fianco, altre ci sono ma a distanza, per volere di entrambi. A volte rimani ferita, altre sei tu a ferire. E’ piu’ facile, quando un’amica ti dice di vedersi sempre dove e’ piu’ comodo per lei, inventarsi all’ultimo una scusa e correre il rischio di perderla piuttosto che ammettere che il tuo bilancio famigliare non ti permette di prendere il treno o il taxi tuttte le volte che vorresti. Quando lo hanno fatto con te, e l’altra persona aveva la febbre, tu ti sei subito attrezzata per portarle medicine e viveri a casa, a costo di risultare invadente. Ma non puoi aspettare gli altri facciano lo stesso.

tu sbagliata, punto.

Sei tu che meriti di rimanere da sola.

Sei tu quella ingrata, punto.

La vita, pero’, prosegue lo stesso, con o senza gli altri.

Sei riuscita a vivere da sola per mesi, andavi al cinema da sola, leggevi e scrivevi, facevi colloqui. Tutto da sola.

Poi, un po’ per goliardia, compri un bagnoschiuma naturale con un nome particolare: It’s raining men. Pensi che forse per l’anno nuovo non sarebbe male se piovessero uomini anche nella tua vita. Una cosa semplice, eh. Soprattutto uomini, non conigli.

Te ne sarebbe bastato anche solo uno che ti regalasse uno (o piu’) baci, rubati, dolci, appassionanti.

Che ti elargisse complimenti sul tuo aspetto fisico, anche se tu sai benissimo di essere brutta, non appena ti vede sulla soglia della porta.

Che ti scrivesse messaggi carini e dolci.

A cui dare un timido bacino sulla guancia e ti scrivesse subito dopo che avrebbe volute darti un bacio da un’altra parte.

Cose semplici, che hanno pero’ il potere di innescare un processo di amore per se stessi che non sapevi neanche dove fosse di casa.

Non avresti mai voluto sentire che, una volta realizzata questa fantasia, quella stessa persona che decise di regalarti quei baci senza averglieli mai chiesti esplicitamente, ti dicesse che sono stati un errore.

Parliamoci chiaro, tu di errori ne fai a iosa, sei una campionessa mondiale di errori; nonostante cio', no, baciare una persona non e’ mai stato un errore. Non hai baciato molte persone, d’altronde, nella tua vita.

Comunue, vai avanti. Al primo si aggiunge il secondo, poi il terzo, e il quarto.

C’e sempre qualcosa che non va, pero’. Ci sono sempre amici che cercano di diventare qualcosa di piu’ profondo e intimo e alla fine diventano a malapena cognoscenti, a stento ci si saluta oggi.

Saro’ io che sono troppo brutta? Forse non e’ destino per me trovare l’Amore, mi ripeto. E va bene, accontentiamoci di quello che offre il mercato.

Poi, a un tratto, improvvisamente, dietro l’angolo appare Lui.

La Persona che ti rivoluziona la vita, quello con cui diventi una Donna, quello che accetta di lavorare insieme a te per smussare quei lati del tuo carattere che non piacciono neanche a te. Con Lui arriva anche l’Amore, quello vero.

L’ Amore che nasce e cresce dentro di te, quello che ti fa vedere il tuo dottore e l’ospedale molto piu’frequentemente di quanto eri abituata in precedenza.

L’ Amore che ti esorta a imparare cose nuove giorno dopo giorno, perche’un giorno non lontano comincera’ a farti domande in un’altra lingua su tutto cio’ che ci circonda e tu dovrai essere preparata.

Dovrai essere preparata a parlarle delle sue origini, del suo presente e del suo futuro.

A mostrarle le potenzialita’ di un mondo senza frontiere.

A sognare in grande e rimboccarsi le maniche fino a quando non si realizzano. Di colpo, i tuoi sogni diventano i suoi.

Forse se i tuoi non sono diventati ancora realta’, malgrado tutte le opportunita’ avute, significa una cosa sola: non hai le capacita' per realizzarli e devi prenderne conspevolezza.

Accontentarti di quello che hai ed esserne grata e garantire ai tuoi Amori di essere piu’ organizzata, piu’ veloce e evitare di commettere errori banali come quelli che fai sempre tu, da quando sei nata.


Si, forse e’ il momento di svuotare quel cassetto carico di sogni.

E’ arrivato il momento di stravolgere l’ordine degli elementi e anteporre la felicita’ degli altri alla tua.


Chi ha piacere di averti accanto, lo sara’.

La porta e’ spalancata per chiunque; per chi ci vuole essere e accetta di passare del tempo insieme in casa, chiedendoti non solo come stai ma asciugandoti le lacrime che ti rigano il volto. Chi non ha voglia di sdraiarsi accanto a te quando sei a terra e' libero di uscire con altri.


Non si puo’ piacere a tutti; in fondo neanche la Nutella piace a tutti. E tu non sei piu’ buona della Nutella.


Sicuramente il tuo Amore. E nessuno le dovra' spezzare mai il cuore come hanno spezzato alla sua mamma.


La sua risata e’ musica per le tue orecchie, non importa nent’altro.

L a sua risata che risuona nell'aria e' medicina. Niente di piu’. Non e' quello che scriveva un tuo caro amico inglese, in fondo?


"(...) Ma il vero modo di essere felici è quello di procurare la felicità agli altri. Preoccupatevi di lasciare questo mondo un po' migliore di come lo avete trovato e, quando suonerà la vostra ora di morire, potrete morire felici nella coscienza di non aver sprecato il vostro tempo, ma di avere fatto "del vostro meglio". "Siate preparati" così, a vivere felici e a morire felici: mantenete la vostra promessa di esploratori, anche quando non sarete più ragazzi, e Dio vi aiuti in questo."

Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag