APPELLO ALLE DONNE



Non denunciate, donne.
La famiglia non puo’ essere guidata da due persone perche’ creature a due teste sono protagonist di orribiili incubi.
Nella famiglia, l’uomo e’ colui che deve prendere le decisioni. Si, anche, e soprattutto su quando fare l’amore.
Se lo chiedete voi, non va bene. In qualunque momento lui voglia, dovrete essere pronte e stare zitte.
Le vostre testimoni di nozze rideranno quando confiderete il disagio che avete vissuto: come fate a non essere riconoscenti per un uomo che vi desidera, brutte come siete? Altre vi diranno di denunciare alla polizia, ma poi vi chiederanno la cortesia di non fare il loro nome, e vi bloccheranno. Il libro che avete pubblicato non piacera’ loro, ma non sapranno darvi una motivazione.
Sarete sole, con la vostra prole, che qualche altra donna vi dira’ siete state delle stupide a concepire con un uomo che avevate appena conosciuto. E poco importa se direte che lo avete amato, che avete fatto tutto solo e soltanto per AMORE, perche’ vi diranno che non e’ possible amare una persona di un continente diverso, che ve la siete cercata.
Dovrete risolvere il problema in chiesa, con l’aiuto di un parroco o di un pastore o di una guida spirituale che vi fara’ capire come stare al vostro posto.
Non dovete essere femministe, ma femminili.
Non dovete esternare i vostri sentimenti troppo presto. Non dovete essere sincere con tutti. Non vogliono la vostra verita’. Non vogliono le vostre lacrime. Non vogliono i vostri dispiaceri.
Dovete servirli, gli uomini. Dovete prostrarvi ai loro piedi e chiedere loro scusa infinite volte.
E se vi uccide, ve la siete cercata. Non dovevate innamorarvi di quella persona. Era troppo grande, faceva un lavoro troppo umile o troppo importante, non eravate alla sua altezza.
Per quanto bene facciate nella vostra vita, i vostri errori saranno sempre colpa vostra. Da tempo immemore e’ cosi. Sapete perche’ l’umanita’ non vive piu’ nel paradise terrestre? Perche’ Eva, una donna, ha osato mangiare una mela. Una fottuta mela.
Sapete perche’ Penelope e’ piu’ conosciuta di Lisistrata? Perche’ Penelope non solo ha organizzato uno stratagemma per procrastinare il momento in cui avrebbe dovuto scegliere un nuovo marito, ma e’ rimasta sempre fedele a Ulisse fedifrago.
Non ci hanno detto, pero’, come sia morto Ulisse. E se fosse morto perche’ Penelope, una volta a conoscenza di quante volte sia stata tradita, avesse messo una goccia di veleno letale nella cena del consorte? Goccia dopo goccia, la vendetta si offre senza dirlo a nessuno.
Ma perche’ siamo donne? E’ colpa nostra essere nate femmine? E’ colpa di nostra madre, di nostra nonna, di nostra zia?
Secondo la biologia, secondo la scienza, no. E’ colpa di... nostro padre. Fermi tutti. E’ colpa di un uomo se siamo nate donne. E’ colpa di un uomo se non possiamo vestirci in un determinato modo e andare a divertirci. E’ colpa di un uomo se, quando siamo in intimita’ e diciamo no, il rapport sessuale viene ugualmente consumato. E’ colpa di un uomo. Non e’ colpa nostra. Non e’ colpa nostra. Non e’ colpa delle donne lo stupro.
Colpevolizzare le donne e non aiutarle tangibilmente, quello si, e’ colpa delle donne che non si alleano insieme come nella commedia di Aristofane. Lisistrata e le donne greche riuscirono a portare a compimento la loro missione: le guerre cessarono e tornarono tutti a far l’amore.
Che cosa sarebbe successo se le mie testimoni di nozze mi avessero dato un support materiale, da amiche? Che cosa sarebbe successo se i loro mariti avessero parlato chiaro con la persona che ha abusato di me e gli avessero detto chiaramente: “se non la ami, lasciala libera?”
Ai posteri l’ardua sentenza. Nel dubbio, non facciamo piu’ l’amore, cosi da non denunciare piu’ alcun abuso sessuale e psicologico.
E’ troppo difficile crescere bambini e bambine nel rispetto dell’Altro e nell’Amore reciproco. Un amore gioioso, che sproni a migliorarsi giorno dopo giorno. Neanche gli animali ci riescono, perche’ dovremmo riuscirci noi esseri umani?
(CONTINUA)
Post in evidenza
Post recenti