top of page
20210202_115608.jpg

Benvenuto nel blog della Scrivente Errante! 

Uno spazio dove conoscere una Mamma, AUTRICE degli ARTICOLI e delle RECENSIONI che troverete su questo blog, appartenente alla generazione dei Millennials di due bambine Cosmopolite, a cui spero di poter dare gli strumenti per realizzare i loro sogni ed essere FELICI! 

Human Library in Scozia


Sapevo gia' che in Danimarca ci fosse una biblioteca in cui poter prendere in prestito una persona anziche' un libro ed ascoltare la sua storia, ma non sapevo fino ad oggi che il movimento fosse attivo in diversi paesi, compreso quello in cui sto vivendo! Ed ecco che mi trovo a condividere con i lettori del mio blog Il libro del mese di aprile: Transgender.
"Vi presentiamo Rachel, 56 anni, il nostro libro del mese da Glasgow, in Scozia. Negli ultimi due anni Rachel ha partecipato a eventi di persona e online. Il suo argomento principale è il transgender, ma a volte è disponibile a parlare anche dell'essere ebreo.


“Se non ti giudicherò per avermi fatto questa domanda. Allora spero proprio che non mi giudicherete per aver risposto”.

Rachel è davvero un libro aperto della Biblioteca umana. Cresciuta a Glasgow, come figlia degli anni '70, in una casa molto liberale dove era naturale fare volontariato e dare qualcosa alla comunità.

“Trovo estremamente appagante essere un libro aperto. A causa delle mie circostanze personali e dei miei valori. Voglio fare la differenza. Ho passato tutta la mia vita a fare volontariato ed è una cosa che ha sempre fatto anche la mia famiglia. Sto dando alle persone l'opportunità di conoscere la mia esperienza. Non c'è un giusto o uno sbagliato qui e può non piacervi quello che sto dicendo, ma non potete negare la mia esperienza”.


Com'è stato per lei incontrare i lettori?

Un ritratto della nostra Rachel “libro aperto”. Con una benda nera sull'occhio e una bandana rossa.
“Parlo in modo che chi non può farlo non debba farlo” - Rachel

“Onestamente, non è una terapia, ma è sicuramente terapeutica. E sono il tipo di persona che pensa al meglio con la bocca aperta”. Recentemente, con gli studenti dell'Università di Glasgow, mi è stata posta una domanda, ho risposto e poi ho subito dimenticato la domanda. Il lettore mi ha chiesto: “Come ti sei sentito a sposarti quando già sospettavi di essere transgender?”.

Alcune delle mie letture preferite sono quelle in cui qualcuno che è critico nei confronti del genere mi prende in prestito e inizia mettendo in discussione ciò in cui credo e facendo riferimento a cose come il transgenderismo. Io cerco di spiegare che non si tratta di un sistema di credenze. Il transgender è una condizione neurologica in cui il mio cervello è cablato in un modo e il mio corpo in un altro. E grazie alla grazia della medicina moderna e della società moderna posso vivere la mia vita come un individuo più felice. Perché è una minaccia per lei? E la protezione delle donne e delle ragazze negli spazi pubblici? Questo è un falso assoluto, le persone cattive fanno cose cattive. E solo perché sono transgender non ho più o meno probabilità di essere una brava persona.

Sempre più spesso ricevo domande che partono dal presupposto che si tratti di una questione sessuale o che io stia cercando di imporre il mio stile di vita agli altri.

“Stai solo cercando di manipolare i bambini. Qual è il suo punto di vista sui bambini trans e io rispondo che non ne ho uno. E sebbene io stessa sia stata una bambina trans, non l'ho saputo fino ai 40 anni.


Ogni lettura è diversa

“Ho fatto più di 150 letture e continuo a ricevere nuove domande. Quindi ti fa rivedere e riflettere. Come mi sentivo e mi fa anche mettere in discussione quel ricordo. Perché in quel momento eri nel momento in cui si verificavano le circostanze. Tutti i libri sono straordinari, ma onestamente lo sono anche i lettori. Perché se non fosse per il loro coraggio di fare domande e la loro disponibilità ad aprirsi, tutto questo non avrebbe senso. Ho un enorme rispetto per i lettori che portano i loro programmi e quando dico loro che possono chiedermi qualsiasi cosa e poi lo fanno. Allora mi piace. Un lettore mi ha prenotato diverse volte online, perché ha un parente stretto che è transgender e voleva davvero saperne di più”.


Come giudica il suo tempo trascorso con la Human Library?

“A volte capita di imbattersi in un'idea che funziona. Non è mai perfetta, ma quando puoi vedere che hai avuto un impatto, allora non c'è niente di meglio. Allora non c'è niente di meglio. Forse abbiamo imparato a capire e a rispettare l'altra persona e siamo riusciti a umanizzare il dibattito. Se più persone lo facessero, forse il mondo sarebbe molto diverso”.


Qualche spunto personale per lei?

Rachel ritiene che se non è un po' impegnativo, non avrà lo stesso impatto. Aprire il proprio cuore e la propria interiorità a un esame fa sempre paura, ma è anche onesto. Ed essere onesti non può mai essere sbagliato.

“Ora affronto queste cose senza pensarci e non avevo idea se sarebbe stato adatto a me. Il mio primo evento è stato molto interessante e c'erano molti libri nuovi. Ho capito che c'erano libri con cui non andavo d'accordo. Ero seduta con una persona trans, della mia età e con un background simile e mi sono resa conto che ci rispettavamo a vicenda, ma non andavamo d'accordo. Poi ho fatto un passo indietro e ho osservato quello che stava succedendo e ho capito che potevo non andare d'accordo con i singoli, ma ho sicuramente trovato la mia tribù”.


Non una guerriera di genere

“Quando la gente dice che sei una guerriera di genere o un'attivista di genere, io dico che non lo sono. Io dico che non lo sono. Ma sono consapevole di me stessa e ho seguito una formazione di attivismo politico da studentessa. Trent'anni fa lottavo per l'uguaglianza e contro il razzismo e l'antisemitismo nel mio campus. E ho le armi e le armature emotive per affrontare lo schifo che alcune persone stanno lanciando contro la comunità transgender. Parlo in modo che chi non può farlo non debba farlo”.

Rachel ha un'alta considerazione per le persone che vogliono partecipare alle marce e stare agli angoli delle strade con cartelli e proteste.

“Credo che stiano facendo un buon lavoro, ma non credo che sia altrettanto efficace che aiutare a sfidare gli stereotipi una persona alla volta”.

Rachel è a disposizione dei nostri lettori online e di persona in occasione di eventi a Glasgow e a Edimburgo, nel Regno Unito. "

Commentaires


Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Non ci sono ancora tag.
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
bottom of page