I FRATELLI SIMEONI, FAVOLA DALLA RUSSIA

C'erano una volta sette fratelli, che erano sette operai. Un giorno uscirono per andare ad arare e seminare il grano. Lo zar passava da quelle parti a cavallo con il suo generale. Guardò il campo e rimase stupito alla vista dei sette lavoratori. "Cos'è quello?" chiese. "Sette aratori in un solo campo, tutti della stessa altezza e tutti con le stesse caratteristiche. Scopri chi sono quei braccianti". I servi dello zar si affrettarono a entrare nel campo e portarono i sette Simeoni davanti allo zar. "Bene", disse lo zar, "ditemi: chi siete e cosa fate?". I giovani risposero: "Siamo sette fratelli, i sette Simeoni, sette lavoratori. Lavoriamo la terra di nostro padre e di nostro nonno e ognuno di noi è addestrato nel suo mestiere". "Bene", disse lo zar, "e quali mestieri sarebbero?".Il fratello m

aggiore disse: "Posso costruire una colonna di ferro dalla terra al cielo". Il secondo disse: "Posso salire su quel pilastro e guardare in tutte le direzioni per vedere cosa succede". Il terzo disse: "Io sono Simeone il navigatore. Posso costruire una nave in un attimo. La porterò attraverso il mare, navigando veloce e libero". "Io sono Simeone il Marconista", disse il quarto. "Posso colpire una mosca in volo con la mia freccia". "Io sono Simeone il contatore di stelle. Conto le stelle fino all'ultima". "E io sono Simeone il coltivatore di grano. In un solo giorno apro, semino e raccolgo il raccolto". "E tu chi saresti?" chiese lo zar al più giovane. "Io, Maestà, canto e ballo e suono il piffero". Allora il generale dello zar disse: ""Vostra Maestà, abbiamo un gran bisogno di lavoratori, ma mandate via il pifferaio danzante. Non abbiamo bisogno della sua razza. Mangiano solo il nostro pane e bevono il nostro kvas senza darci alcun beneficio". "Molto probabile", disse lo zar.

Ma il più giovane Simeone si inchinò allo zar e disse: "Mi permetta, Maestà, di dimostrare il mio mestiere suonando una melodia sul corno". "Perché no", rispose lo zar. "Suona un'ultima volta e poi vattene dal mio regno". A quel punto il più giovane Simeone prese un corno fatto di corteccia di betulla e si lanciò in una vivace danza russa. E in un attimo tutti danzarono, con le gambe che volavano avanti e indietro. Lo zar ballava, i suoi boiardi ballavano e anche le guardie ballavano. I cavalli iniziarono a ballare nelle loro stalle; le mucche battevano gli zoccoli nelle stalle. Le galline e i galli si agitavano. Ma il generale dello zar ballava più di tutti. Il sudore usciva da lui, la sua barba tremava e le lacrime gli scorrevano già sulle guance. Lo zar gridò: "Basta giocare! Non ho più la forza di ballare!". Il più giovane Simeone disse: "Riposatevi, brava gente. Ma tu, generale, con la tua lingua malvagia e il tuo occhio scortese puoi continuare a ballare". Così tutti si fermarono, tranne il generale. Egli danzò ancora e ancora, finché non cadde. Giaceva a terra rantolando come un pesce fuor d'acqua. Allora il più giovane Simeone mise da parte il suo corno di betulla. "Questo", annunciò, "è il mio mestiere". Lo zar si mise a ridere, ma il generale mantenne un furioso silenzio. Poi lo zar disse: "Bene, Simeone maggiore, ora mostraci la tua abilità". Il maggiore Simeone prese un martello da quindici libbre e mise insieme una colonna di ferro dalla terra al cielo blu piu’ profondo. Il secondo Simeone salì sul pilastro e guardò in tutte le direzioni. Lo zar gridò verso di lui:


"Dicci cosa riesci a vedere!" Rispose il secondo Simeone: "Vedo le navi che navigano sul mare. Posso vedere il grano che matura nei campi". "Che altro?" "Vedo dall'altra parte del grande mare, sull'isola di Buyan, Yelena la Bella seduta alla finestra del palazzo dorato che tesse un tappeto di seta". "Com'è?" chiese lo zar. "Più bella di quanto si possa immaginare o descrivere. Un tiar sulla testa e una piccola perla su ognuno dei suoi capelli". Non appena sentì questo, lo Zar fu determinato ad avere Yelena la Bella come sua sposa. Voleva mandare degli ambasciatori a corteggiarla. Il malvagio generale mise la sua proposta: "Mandate i sette Simeoni a riportare Yelena la Bella, Maestà. Sono uomini di grande abilità. E se non riescono a riportarla, falli giustiziare". "Perché no, lo farò io!" disse lo zar. E così ordinò ai sette Simeoni di andare sull'isola favolosa e di riportare indietro Yelena la Bella. "E se fallite", minacciò, "ne risponderete con il vostro collo". Così i fratelli non ebbero scelta. Simeone il navigatore prese un'ascia affilata e in un attimo costruì una nave, la montò, la attrezzò e la varò. Caricarono la nave con ogni sorta di beni - diversi doni preziosi, e lo zar ordinò al malvagio generale di navigare con i fratelli per tenerli d'occhio. A quel punto il generale impallidì molto, ma non ebbe altra scelta che andare. Chi di malizia ne cova, di malizia ne cattura.

Salirono tutti a bordo della nave. Le vele sbattono, le onde si infrangono e attraversano il grande mare fino all'isola di Buyan. Arrivarono da Yelena la bella, le fecero dei ricchi regali e cominciarono a corteggiarla per conto dello zar. Yelena la bella prese i regali e li esaminò. Mentre lo faceva, il malvagio generale le sussurrò all'orecchio: "Non andare, principessa, lo zar è vecchio e debole. I lupi ululano e gli orsi vagano nel suo regno". Yelena la Bella si arrabbiò e ordinò ai fratelli di allontanarsi dalla sua vista. Ora cosa potevano fare? "Bene, fratelli", disse il più giovane Simeone, "andate alla nave, rifornitevi di grano, alzate le vele, preparatevi a partire, e la mia parte sarà quella di portare la principessa".

Nel frattempo il più giovane Simeone tornò al palazzo. Yelena la Bella era seduta alla finestra e tesseva un tappeto di seta. Il più giovane Simeone si sedette su una panca sotto la finestra e cominciò a parlare in questo modo:


"È molto bello e piacevole qui, al di là del mare, sull'isola di Buyan, ma nella Madre Russia è cento volte meglio. I nostri prati sono verdi e i nostri fiumi blu. Abbiamo campi che si estendono all'infinito, betulle bianche lungo i corsi d'acqua, fiori blu cielo nei prati. Da noi il crepuscolo si fonde con l'alba; la luna sfiora le stelle nel cielo. Abbiamo rugiade di miele e fiumi d'argento. Il pastore esce nel prato verde, comincia a suonare il suo corno di betulla e, che ti piaccia o no, devi solo seguirlo". Con questo, il più giovane Simeone si allontanò attraverso il giardino, continuando a suonare, e Yelena la Bella lo seguì. Lui lasciò il giardino e lei lasciò il giardino. Lui camminava attraverso i campi e lei camminava attraverso i campi. Lui scese sulla riva e lei scese sulla riva. Lui salì sulla nave e lei salì sulla nave. Non appena lei fu a bordo, i fratelli mollarono gli ormeggi, girarono la nave e presero il largo. Simeone smise di suonare il corno e immediatamente Yelena la Bella uscì dalla sua ipnosi.

Si guardò intorno e si rese conto di essere in mare aperto, lontano dall'isola di Buyan. Yelena la Bella colpì il ponte di legno della nave e volò in cielo come una stella blu pallido che presto si perse tra tutte le altre. Simeone il contatore di stelle si precipitò fuori e contò tutte le stelle che brillavano nel cielo per trovare quella nuova. Simeone il tiratore si precipitò fuori e scagliò una freccia d'oro contro quella stella. La stella cadde sul ponte di legno e si ritrasformò in Yelena la Bella. "Non scappare da noi, principessa. Non c'è nessun posto dove puoi nasconderti da noi. Se è un tale tormento per te navigare con noi, è meglio che ti riportiamo a casa, perché lo zar avrà le nostre teste per questo". Yelena la Bella ebbe pietà del più giovane Simeone: "Non lascerò che tu perda la testa per colpa mia, Simeone il cantante. Preferisco navigare verso il vecchio zar". Così salparono giorno dopo giorno. Il più giovane Simeone non si muoveva dal fianco della principessa, e Yelena la Bella non gli toglieva mai gli occhi di dosso. Il malvagio generale notò tutto questo e forgiò i suoi piani malvagi. Ormai erano già vicini a casa, la costa era in vista. Il generale chiamò i fratelli sul ponte e diede loro un calice di vino dolce: "Beviamo compagni di viaggio, alla nostra terra natale! I fratelli bevvero il vino dolce, si sdraiarono sul ponte dove trovavano spazio e si addormentarono velocemente. Né il tuono, né la tempesta, né le lacrime della loro stessa madre avrebbero potuto svegliarli perché il generale aveva mescolato nel vino un potente sonnifero. Solo Yelena la Bella e il più giovane Simeone non avevano bevuto il vino. E così arrivarono di nuovo nella loro terra natale. I fratelli maggiori continuarono a dormire come tronchi, il più giovane Simeone preparò Yelena la Bella per incontrare lo zar. Entrambi sospiravano e piangevano, non volevano separarsi, ma non c'era niente da fare. Se non hai dato la tua parola, prendi la tua spada, ma se hai dato la tua parola, mantienila. Nel frattempo il malvagio generale era corso avanti allo zar e caduto ai suoi piedi, dicendo: "Maestà, il più giovane Simeone ha cattive intenzioni nei tuoi confronti. Vuole uccidervi e prendere la principessa per sé. Fatelo giustiziare". Non appena Simeone e la principessa si presentarono allo zar, questi la accolse nel suo palazzo con tutti gli onori e ordinò ai suoi uomini di gettarlo in prigione. Il più giovane Simeone gridò:

"Fratelli miei, i sei Simeoni! Aiutate il vostro fratello più giovane!".

I fratelli continuarono a dormire come tronchi. Il più giovane Simeone fu gettato in prigione e incatenato con pesanti catene. Al mattino portarono fuori il più giovane Simeone per incontrare la sua morte crudele. La principessa pianse, versando lacrime perlacee. Il malvagio generale sorrise. Allora il più giovane Simeone parlò: "O zar crudele, mantieni l'usanza sacra e concedi l'ultima richiesta di un condannato: lasciami suonare il mio corno un'ultima volta".

Il malvagio generale gridò: "No, Maestà, non glielo permetta!" Ma lo zar disse: "Non romperò l'usanza dei miei antenati. Suona, Simeone, ma fai presto, i miei carnefici sono stanchi di aspettare e le loro spade affilate sono diventate smussate". Il fratello più giovane suonò il suo corno di betulla. Il suono attraversò colline e valli fino a raggiungere la nave. I suoi fratelli maggiori lo sentirono, si svegliarono, si stiracchiarono e dissero:


"Questo deve significare che il nostro fratello maggiore è nei guai!" Corrono alla corte dello zar. I boia avevano appena raccolto le loro parole taglienti per tagliare la testa di Simeone quando, dal nulla, apparvero i suoi fratelli maggiori: Simeone il costruttore, Simeone l'occhio acuto, Simeone il coltivatore di grano, Simeone il marinaio, Simeone il contatore di stelle e Simeone il tiratore. Questo gruppo terrificante avanzò verso il vecchio zar: "Lasciate libero il nostro fratello più giovane e dategli Yelena la Bella". Lo zar si rannicchiò e disse: "Prendi il tuo fratello più giovane e la principessa nell'affare. Tanto lei non mi piaceva. Fai presto e portala via".

E poi ci fu una festa a cui tutti furono invitati. Mangiarono e bevvero e cantarono canzoni. Poi il più giovane Simeone prese il suo corno e si lanciò in una melodia di danza. Lo zar ballò e la principessa ballò; i boiardi ballarono e le figlie dei boiardi ballarono. I cavalli si misero a ballare nelle loro stalle; le mucche battevano gli zoccoli nelle stalle. Le galline e i galli si dimenavano.

Ma il generale saltellava più di tutti. Danzò ancora e ancora, finché non cadde a terra morto. Così il fratello più giovane e la principessa si sono sposati e tutti sono tornati al lavoro.

Simeone il costruttore costruisce case; Simeone il coltivatore di grano semina; Simeone il navigatore solca i mari; Simeone il contatore di stelle tiene traccia delle stelle; Simeone l'occhio acuto e Simeone il tiratore proteggono la terra. C'è abbastanza lavoro per tutti nella Madre Russia. E il più giovane Simeone canta canzoni e suona il suo corno, con cui mantiene tutti felici e li aiuta a fare il loro lavoro.


Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Non ci sono ancora tag.
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square