top of page
20210202_115608.jpg

Benvenuto nel blog della Scrivente Errante! 

Uno spazio dove conoscere una Mamma, AUTRICE degli ARTICOLI e delle RECENSIONI che troverete su questo blog, appartenente alla generazione dei Millennials di due bambine Cosmopolite, a cui spero di poter dare gli strumenti per realizzare i loro sogni ed essere FELICI! 

Meg con la bocca lunga - una favola scozzese che tutti dovrebbero conoscere -

Gli Scott e i Murray erano due famiglie in guerra che vivevano lungo il confine tra Scozia e Inghilterra. Fino al XVII secolo, i clan che vivevano in questa zona si facevano razzie e furti a vicenda ed erano conosciuti come Border Reivers. Gli Scott possedevano terre a Harden, Bowhill e Abbotsford, ma all'epoca di questa storia la loro casa principale era Aikwood. La famiglia Murray viveva a Elibank Castle. Questo racconto è tratto da The Fray of Ellibank di James Hogg (The Ettrick Shepherd) in cui si parla di Sir Gideon Murray e di sua figlia Agnes. Nel folklore dei Borders Agnes è conosciuta come Meg con la bocca lunga. Forse le fu dato questo nome perché si faceva valere...


Sir Gideon Murray viveva con la sua famiglia a Elibank, negli Scottish Borders. La sera, quando si sedevano a cena tra le robuste mura del suo castello, la conversazione verteva spesso sullo stesso argomento: un marito per la figlia Agnes. Una sera di inizio primavera, disse alla moglie: "Ho intenzione di cercare un uomo che faccia una proposta di matrimonio a nostra figlia". "Quanto lo pagherete per portarmi con voi?", chiese Agnes. "Zitta", disse la madre. "Non è una cosa di cui una ragazza può discutere". "Perché no?", chiese Agnese. "Se devo essere venduta, devo almeno conoscere il prezzo del mio valore".
"Non sei stata venduta", disse la madre. "I beni e il denaro vengono dati in dote". "Dove cercherete e chi sarà", chiese Agnese, "quest'uomo con cui volete che passi il resto della mia vita?". "Non ti riguarda", le disse il padre. "Saranno i tuoi genitori a decidere la persona adatta". "Non posso sposare un uomo che non conosco", disse Agnes. Perciò si alzò dal tavolo e andò alla finestra. Da lì notò che qualcosa stava accadendo nei campi esterni della loro tenuta. Era come se le stelle cadessero tra l'erba e le coltivazioni. "Sposerai l'uomo che sceglierò per te", disse Sir Gideon. "Altrimenti porterò guai alla tua porta".
Agnes si rese conto che quelle che sembravano stelle cadenti erano in realtà le torce ardenti dei ladri che stavano radunando la mandria di mucche dei Murray. Si girò dalla finestra per rispondere al padre: "I guai sono già alla porta". "È meglio che tu faccia attenzione alle tue maniere!", sbottò il padre. "E io dico che faresti meglio a badare al tuo bestiame", rispose Agnes con calma, "perché ci sono dei briganti nei campi al di là del barnekin". "Mio Dio!" Sir Gideon balzò in piedi dal tavolo. "Vi garantisco che sono Auld Wat Scott e i suoi compagni di clan a rubare la mia roba!". Corse fuori dal castello, gridando ai suoi uomini e allacciando la spada mentre andava. "E qui finisce la lezione sul matrimonio". Agnes si sedette di nuovo sulla sedia. Sua madre la rimproverò: "Non è corretto che una ragazza si mostri così smidollata". "Eppure, se fossi un ragazzo, il mio spirito forte sarebbe apprezzato", disse Agnes. "Sei troppo sfacciata con la bocca, figlia mia", disse la madre. "Non avrei dovuto parlare allora?", disse Agnese. "Avrei dovuto lasciare che i briganti scappassero con le nostre mucche?". "Eri una bambina così solare", sospirò la madre. "Dov'è finita la mia dolce Agnes, per essere sostituita da una Meg con la bocca lunga?". "Non mi importa se è così che decidete di chiamarmi", disse Agnes. "Anzi, adotterò il nome di "Meg con la bocca lunga". Dovrebbe respingere qualsiasi pretendente casuale che non mi incontri prima di propormi il matrimonio". Fu così che Agnes, la figlia di Sir Gideon Murray, divenne nota come "Meg con la bocca lunga". Agnes era felice che suo padre fosse partito per inseguire gli uomini che avevano recuperato il bestiame, perché sarebbe potuto rimanere via per giorni. Ogni volta che Sir Gideon era lontano da Elibank, Lady Murray era troppo occupata con gli affari della tenuta per prestare attenzione alla figlia, e così Agnes era libera di cavalcare fino alla sua pergola segreta. Il mattino seguente Agnes preparò la sua bisaccia, condusse il suo cavallo in silenzio dalla stalla e cavalcò fino al suo posto preferito sotto una grande quercia sulle rive del fiume Tweed. Lì mise carta e penna e iniziò a fare ciò che amava di più: scrivere poesie. "Cosa stai facendo?", disse una voce accanto a lei. Agnes emise un grido di sorpresa. Un giovane uomo era in piedi dall'altra parte dell'albero. Fu colta di sorpresa, ma non ebbe paura. "Cosa ci fai qui?", replicò. "Sto abbeverando il mio cavallo". Il giovane fece un cenno con la mano al suo pony, che si trovava più avanti lungo il sentiero e stava bevendo dal fiume. "Anche se avresti dovuto rispondermi per primo, visto che ho fatto la mia domanda prima della tua". "Non sono affari tuoi quello che faccio qui", rispose Agnes. "La mia famiglia è proprietaria della terra su cui mi trovo". "Il giovane sorrise e allargò le mani. "Nel Paese di confine, chi possiede cosa è sempre... discutibile". Agnes strinse gli occhi. Non era uno degli uomini di suo padre. Potrebbe essere uno Scott. Un nemico della sua famiglia e del suo clan. Il suo cuore cominciò a battere un po' più velocemente. Raccolse i suoi documenti. "La mia giornata è rovinata", si disse. "Vado a casa". "Oh, ti prego, non farlo!". Parlò con autentico rammarico. "Non volevo disturbarla. Ho solo pensato che forse avevi bisogno di protezione". Indicò la spada che portava alla cintura. "Posso proteggermi da sola", disse Agnes. Estrasse la parola che portava nella bisaccia e la fece roteare davanti a lui. Lui fece un rapido passo indietro, ma nei suoi occhi c'era un luccichio di ammirazione. "Vado e ti lascio in pace". Detto questo, montò a cavallo e partì, ma non senza uno o due sguardi all'indietro. Il mattino seguente, Agnes non fu molto sorpresa quando, dopo che era rimasta a scrivere nel suo pergolato per meno di un quarto d'ora, il giovane arrivò lungo il sentiero in sella al suo cavallo. "Spero che non vi dispiaccia se mi fermo di nuovo qui", chiese gentilmente. "Il mio cavallo ha sete". Agnes gli rivolse uno sguardo scettico. "Il fiume Tweed è lungo quasi cento miglia. Ci sono molti posti dove il vostro cavallo potrebbe bere. "Vero, vero", annuì il giovane, "eppure è qui che sceglie di fermarsi". Spalancò gli occhi e aggiunse: "Forse l'acqua qui è più dolce che altrove". Agnes annusò, ma sorrise anche tra sé. Scambiarono qualche altra parola quel giorno, e altre ancora nei giorni successivi, perché ogni volta che il giovane si fermava ad abbeverare il cavallo, si intratteneva più a lungo in sua compagnia. Agnes gli disse che le piaceva comporre versi sui luoghi e le persone della Terra di Confine, e lui le disse che un giorno avrebbe voluto diventare sceriffo e contribuire a portare la pace nelle loro terre tormentate. L'unica cosa che nessuno dei due disse all'altro fu il proprio nome. Sapevano infatti che se si fosse scoperto che appartenevano a clan in lotta tra loro, non avrebbero più potuto parlarsi. Sir Gideon e i suoi uomini di clan passarono una settimana a inseguire Auld Wat Scott e i suoi uomini di clan attraverso le terre di confine. Ma alla fine Sir Gideon tornò a Elibank a mani vuote per vendicarsi dell'uomo che aveva scacciato il suo bestiame. "Metterò una trappola alla vecchia volpe", disse alla sua famiglia. "Comprerò un'altra mandria di mucche da far pascolare nei campi esterni. Poi ci metteremo in agguato ogni notte. Queste nuove mucche saranno grasse e slanciate. Sarà un premio troppo allettante perché quel furfante possa resistere".
La moglie convenne che si trattava di un piano astuto, ma Agnes non stava ascoltando il padre. Stava pensando, con tristezza, che ora che suo padre era tornato a Elibank, non sarebbe più stata in grado di cavalcare fino alla sua pergola segreta. Era una notte di luna quando gli Scozzesi furono così audaci da tornare a Elibank per rubare la nuova mandria di mucche di Sir Gideon. Agnes osservava dalla finestra della sua camera da letto. "Bene", pensò mentre vedeva gli uomini di suo padre dare la caccia ai briganti. "Forse questa volta starà via più a lungo e potrò visitare il mio pergolato". Ma suo padre non era stato via né una settimana né un solo giorno. Alla luce dell'alba Sir Gideon entrò trionfante in casa. "Ce l'ho fatta!", gridò. "Ho catturato uno dei ladri di bestiame del clan Scott e intendo impiccarlo all'albero del nostro cortile!". "Auld Wat Scott?" chiese la moglie. "Avrei pensato che fosse troppo astuto per essere catturato". "Non la vecchia volpe, no", disse il marito. "È il suo giovane cucciolo, William, che giace nelle mie segrete". "William Scott...", ripeté la moglie. "Il figlio di Auld Wat. Un ragazzo robusto e, a detta di tutti, intelligente". "Non così abile da superare me!" rispose il marito. "Secondo la legge, sono autorizzato a impiccare un uomo sorpreso a rubare il bestiame al suo vicino. Questo insegnerà agli Scozzesi una lezione che non dimenticheranno". "Tenetevi forte!" La moglie mise una mano sul braccio del marito. "È lui il giovane che non è ancora sposato?". "Sì, sì", sbraitò il marito, impaziente di compiere la sua azione mortale. "Pensa a questo", gli sbarrò il passo la moglie dalla porta. "Potresti offrirgli il perdono se prende in moglie nostra figlia". "Cosa?" Sir Gideon scosse la testa. "Ho aspettato abbastanza per catturare uno di quei banditi. Non ho intenzione di rilasciarlo per permettergli di tornare a delinquere ancora una volta". "I reivers non rubano ai propri simili", fece notare la moglie. "Se è sposato con Agnes, allora i nostri beni e le nostre attrezzature sono al sicuro". Sul volto di Sir Gideon comparve uno sguardo astuto. Agnes rimase inorridita ad ascoltare la loro conversazione. "Non acconsentirò a questo", dichiarò. "Non voglio essere sposa di un uomo che non conosco". "Farai come ti è stato ordinato!", ruggì il padre uscendo dalla stanza. "Vai fuori mentre parlo con il ragazzo nelle segrete". "Madre!" Agnes supplicò. "È il modo di vivere!", disse la madre. "Vieni con me". Quando il clan Murray si riunì nel cortile, Agnes si girò verso il muro, per dimostrare che non avrebbe obbedito al padre. Così non vide il giovane che veniva trascinato nel cortile; sentì solo il padre parlare con stupore. "Questo ragazzo, William Scott, non accetta il nostro accordo". "È perché la reputazione di nostra figlia è diffusa all'estero", si lamentò la madre. "La gente si riferisce a lei come "Meg dalla bocca lunga", e quindi si aspetta che il suo aspetto sia poco attraente". "Gli ho già spiegato il suo nome", disse Sir Gideon. "Il suo rifiuto non ha nulla a che fare con l'aspetto della ragazza. Dice che non sposerà una persona che non conosce". "È un peccato", disse Lady Murray rivolgendo un'occhiata ad Agnes, "perché loro due sono ben assortite nelle loro prospettive". "Quindi deve essere impiccato", dichiarò Sir Gideon. "Portatemi una corda!" Sebbene Agnes avesse uno spirito forte, il suo animo era gentile, e si ritraeva all'idea di un uomo impiccato. Lanciò un'occhiata laterale al poveretto. E vide suo padre che si dirigeva verso il giovane che aveva incontrato sulla riva del fiume! "Aspetta!", esclamò. "Aspetta, padre, io...". Ma esitava a confessare di conoscere questo William Scott. Il padre proseguì nel suo cupo proposito. "Mettete un cappio al collo del ragazzo", ordinò a uno dei suoi uomini. "No!" Agnes gridò. "Per favore, padre! Vi supplico! Fermate la vostra mano! Vedendo il ragazzo, posso dire che è gentile e buono". "Che cosa affligge questa ragazza?", chiese Sir Gideon a sua moglie, "che è tesa fino all'ultimo?". "Non lo so", disse Lady Murray perplessa. "Non importa", rispose Sir Gideon alla sua stessa domanda. "Il ragazzo si rifiuta di obbedire, quindi deve...". "Ho cambiato idea!" Il giovane William Scott si riprese dallo shock di aver riconosciuto in Agnes Murray la ragazza che scriveva versi sotto la quercia vicino al fiume Tweed. Parlò a voce alta: "Vedendo la ragazza, posso dire che è buona e gentile. La sposerei volentieri". "Pah!" Sir Gideon era ormai in preda a un forte malumore. "Il clan di Murray non accetta favori da uno Scott!". "Signore, l'unico favore è quello che potreste concedermi, permettendomi di sposare vostra figlia". William Scott si inginocchiò davanti a Sir Gideon, ma rivolse le sue prossime parole ad Agnes. "Sarei onorato e felice se accettaste di sposarci". Agnes annuì, ma Sir Gideon iniziò a scuotere la testa. "Mamma!" Agnes tirò disperatamente la manica della madre. Lady Murray guardò con attenzione la figlia e poi il giovane. E, sebbene fosse ancora perplessa su come si fosse arrivati a questo punto, vide la luce dell'amore nei loro occhi. "Come sei intelligente", sussurrò Lady Murray al marito, "per aver risolto così abilmente la questione con grande vantaggio!". "Davvero?", disse Sir Gideon. "Ah... Naturalmente, naturalmente. L'ho fatto. Sì, certo. Sì." Agnes e William si sposarono poco dopo e vissero felicemente insieme nel loro castello di Harden. William fu nominato cavaliere da re Giacomo VI e divenne Sir William Scott, sceriffo di Selkirk. Uno dei loro discendenti era, come Agnes, un narratore, famoso in tutto il mondo per i suoi libri, le sue opere teatrali e le sue Border Ballads. Si chiamava Walter Scott di Abbotsford e a lui è dedicato un magnifico monumento nel centro di Edimburgo.






Opmerkingen


Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Non ci sono ancora tag.
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
bottom of page