top of page
20210202_115608.jpg

Benvenuto nel blog della Scrivente Errante! 

Uno spazio dove conoscere una Mamma, AUTRICE degli ARTICOLI e delle RECENSIONI che troverete su questo blog, appartenente alla generazione dei Millennials di due bambine Cosmopolite, a cui spero di poter dare gli strumenti per realizzare i loro sogni ed essere FELICI! 

Una favola armena per l'ultima domenica di questo FEBBRAIO 2024

Se seguite la Scrivente Errante da un po' di tempo, saprete che ha avuto l'onore di vivere, grazie all'Europa, un periodo di sette mesi condividendo un appartamento e un progetto con una giovane armena. Di questo incontro trovate altri segni nel primo libro della famiglia cosmopolita (per esempio, senza andare su google, chi conosce la capitale di questo paese?). Se mi conoscete, sapete altresi che uno dei feedback che ho lasciato all'Agenzia Nazionale Giovani dopo il mio progetto (e che questa istituzione ha cestinato, perche' proveniente da una volontaria di un ceto sociale basso e della periferia di Torino, mica del centro citta'!) e' stato che, durante la stesura del racconto multiculturale, sia stata accettata una favola che nulla aveva a che fare con la cultura della volontaria armena, se non una conoscenza personale. Mentre infatti le volontarie italiane hanno selezionato una favola/racconto/mito del proprio paese d'origine, la volontaria armena ha scelto una favola internazionalmente conosciuta, ma di origine inglese. Una volta che sono diventata mamma ho voluto prendermi la briga di andare a cercare favole armene, e ho trovato tantissime favole molto interessanti! Ve ne propongo una questa domenica, spero vi piaccia! Il racconto multiculturale che abbiamo scritto durante l'esperienza di volontariato europeo lo potete leggere nel primo libro della Famiglia Cosmopolita, magistralmente illustrato da CinnaMom!


C' era una volta un uomo che aveva ereditato molte ricchezze da suo padre, ma che conduceva una vita così irregolare e scriteriata che in breve tempo aveva speso tutto, fino all'ultimo centesimo. Poi si sedette, piegò le braccia sul petto e sospirò pensando alla sua sfortunata condizione. Gli amici di suo padre si riunirono intorno a lui per consolarlo. Uno di loro, un uomo vecchio e colto, gli disse:
"Figlio, hai offeso la tua Fortuna, che è fuggita da te. Faresti meglio ad andare a cercare la tua Fortuna; forse puoi trovarla e riconciliarti con lei e diventare, come prima, un uomo fortunato".
L'uomo partì subito e percorse montagne e pianure alla ricerca della sua fortuna. Una notte vide in sogno che la sua fortuna era un essere umano come lui, che era caduto con la faccia sulla cima di un'alta montagna, sospirando e battendosi il petto tutto il tempo, proprio come lui stesso aveva fatto. Il giorno dopo si alzò e continuò il suo viaggio verso quella montagna. Sulla sua strada incontrò la Fata Leone, seduta su un cumulo di terra accanto alla strada.
"Non aver paura, essere umano, procedi", disse il Leone. E quando l'uomo si avvicinò, disse: "Dove stai andando?"
"Vado a cercare la mia fortuna", disse l'uomo.
"Bene", disse il Leone, "la tua Fortuna è molto saggia; chiedigli qual è il rimedio per la mia malattia. Sono invalido da sette anni. Se trovi il rimedio giusto ti ricompenserò".
"Molto bene", disse l'uomo, e proseguì per la sua strada. Presto arrivò in un bellissimo frutteto pieno di ogni tipo di frutta. Ne raccolse alcuni e cominciò a mangiare, ma erano tutti amari. Allora arrivò il giardiniere e gli chiese dove stesse andando.
"Vado a cercare la mia fortuna", disse l'uomo.
"Per favore, chiedi alla tua fortuna", disse il giardiniere, "qual è il rimedio per il mio frutteto. Ho innestato le mie piante, ma non è servito a niente. Ho tagliato i vecchi alberi e ne ho piantati di nuovi, ma neanche questo è servito. Se la tua Fortuna può escogitare un rimedio, ti ricompenserò generosamente". L'uomo promise di chiedere alla sua Fortuna e riprese il suo cammino. Ben presto giunse ad un magnifico palazzo situato in un giardino bello come il paradiso, il cui unico abitante era una bella fanciulla.
"Che uomo sei?" chiese la fanciulla vedendo l'uomo, "e perché sei venuto?
L'uomo le raccontò la sua storia.
"Vedi", disse la fanciulla, "io ho questo splendido palazzo e un'infinita ricchezza e proprietà; ma ho un dolore che cresce nel mio cuore giorno e notte, e passo la mia vita a sospirare tutto il tempo. Ti prego di chiedere alla tua Fortuna di me, e se mi porterai un dispositivo per rendermi felice, prometto di ricompensarti generosamente".
L'uomo promise, e proseguì per la sua strada finché non giunse in cima alla montagna dove la sua Fortuna era caduta sulla sua faccia. Gli descrisse la sua sfortunata condizione e gli espresse tutte le sue lamentele. La fortuna lo ascoltò attentamente e disse:
"Tutto può ancora andare bene, visto che sei venuto così lontano per cercarmi".
Allora l'uomo chiese a Luck le cose che aveva promesso di chiedere, e ricevette delle risposte.
"Ora non vuoi venire con me?" chiese l'uomo.
"Vai prima", disse Fortuna, "io verrò dopo di te".
L'uomo ritornò. Sulla via del ritorno, incontrò prima la fanciulla e le disse:
"Il tuo dolore scomparirà e sarai felice non appena sposerai un giovane di tua scelta".
Poi incontrò il giardiniere e disse:
"C'è dell'oro nella sorgente da cui sgorga l'acqua con cui irrigate il vostro frutteto. Le piante succhiano particelle d'oro, il che fa sì che i frutti siano amari. Devi irrigare il tuo frutteto con l'acqua di un'altra fonte, o togliere il minerale dalla fonte attuale, allora i tuoi frutti saranno dolci".
Poi venne dalla Fata Leone e gli raccontò come aveva visto la sua Fortuna, e quali messaggi aveva portato alla fanciulla e al giardiniere.
"E quale regalo ti ha fatto la fanciulla?" chiese il Leone.
"Lei disse", rispose l'uomo, "che si era innamorata di me e mi propose di sposarmi, ma io rifiutai".
"E quale ricompensa ti ha dato il giardiniere?" chiese il Leone.
"Prese il minerale d'oro dalla sorgente", rispose l'uomo, "e raffinandolo, preparò un carico da cavallo di oro puro. Mi diede tutto, ma io rifiutai, dicendo che non mi interessava disturbarmi e portare una cosa così pesante così lontano".
"E quale rimedio ha escogitato la tua Fortuna per il mio male?" chiese il Leone.
"Ha detto", rispose l'uomo, "nel momento in cui divorerai la testa di un idiota, sarai guarito".
Il Leone guardò l'uomo in faccia e disse:
"Per il cielo! Non posso trovare un idiota più grande di te sulla faccia della terra". E colpendo la sua testa con la zampa, ne fece un sol boccone e l'idiota era morto.
Ricorda la morale di questa storia: il tempo non fa mai amicizia con uno stupido.

Comentários


Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Non ci sono ancora tag.
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
bottom of page