top of page
20210202_115608.jpg

Benvenuto nel blog della Scrivente Errante! 

Uno spazio dove conoscere una Mamma, AUTRICE degli ARTICOLI e delle RECENSIONI che troverete su questo blog, appartenente alla generazione dei Millennials di due bambine Cosmopolite, a cui spero di poter dare gli strumenti per realizzare i loro sogni ed essere FELICI! 

27 Ottobre 2023 la Scrivente Errante diventa guida di un museo!

David Livingstone nacque il 19 marzo 1813. David arrivò in Africa nel 1841. Cercò di convertire al cristianesimo le comunità africane che incontrò e cercò nuove rotte commerciali attraverso il continente. David non lavorò da solo, ma fu influenzato e aiutato da molte altre persone. Oggi sentirete le storie di queste figure, spesso trascurate, che hanno giocato un ruolo importante nel plasmare la vita e le spedizioni di David.
David ottenne alcuni buoni risultati, ma causò anche problemi alle popolazioni locali.
locali. Definì la schiavitù "un grande male", ma accettò l'aiuto di un noto mercante di schiavi quando si trovò in difficoltà.
Questo è un esempio del modo in cui David pensava che le sue conoscenze di scozzese bianco fossero superiori a quelle degli africani.

Eravamo interessati alla sala parto perché in questa stanza viveva l'intera famiglia di David.
Ci ha fatto pensare alle somiglianze e alle differenze tra la casa di David e le nostre case e la nostra infanzia.
La casa della famiglia di David e le nostre case e la nostra infanzia. Alcune cose sono familiari e altre molto diverse!
Abbiamo scelto gli oggetti che ci interessano e che possiamo mettere in relazione con la nostra cultura.
Oggetto 1: ferro
Il manico è di legno e il resto è di metallo. Si solleva il coperchio e si riempie carbone ardente o mattoni, poi lo si usa per stirare i vestiti quando è caldo. Noi non sappiamo da dove provenga questo ferro o come sia arrivato al museo.
In alcune zone del Pakistan, questo tipo di ferro è ancora in uso perché ci sono frequenti carenze di energia elettrica e di frequenti carenze di elettricità e interruzioni di corrente.
Oggetto 2: battipanni
Siamo rimasti sorpresi dalla storia del battitappeto, che ci racconta come durante l'infanzia di David i vestiti venivano passati dai genitori ai figli, e poi tra fratelli e sorelle. Quando erano logori, venivano tagliati in stracci e cuciti sul tappeto per conservarlo.
Il battitappeto veniva poi usato per battere la polvere.
Dal momento che nei tempi moderni non è popolare per i bambini e gli adolescenti indossare due volte gli stessi non è popolare per i bambini e gli adolescenti dei tempi moderni indossare due volte gli stessi vestiti, o gli oggetti appartenenti ai loro genitori o fratelli, è stato
straordinario vedere che c'è stato un tempo in cui i vestiti erano una necessità che richiedeva di essere riutilizzato, piuttosto che un oggetto alla moda.
Nelle famiglie benestanti, era compito della servitù sollevare fisicamente il tappeto fuori casa e appenderlo al filo del bucato per essere battuto a fondo con un battipanni.
Una famiglia senza servitù, come quella di Davide, richiedeva che la madre svolgesse questo compito da sola, a volte con l'aiuto dei figli.

Oggetto 3: Filatoio

L'arcolaio è un dispositivo per filare filo o filato da una fibra.
Oggetto 4: giogo
I gioghi venivano usati per trasportare acqua e carichi diversi. Sono stati utilizzati in tutti i continenti e in molte nazioni, in diversi secoli. Il contenitore dell'acqua d'acqua poteva avere diverse forme naturali ed essere fatto di vari materiali, come materiali, come uova, corna e zucche.
Il giogo faceva parte di uno stile di vita duro. Sarebbe stato faticoso portarlo e doloroso per il corpo. Ma dimostra come gli esseri umani siano intelligenti e creativi, sempre in grado di inventare nuovi dispositivi, dall'età della pietra fino ai nostri tempi di intelligenza artificiale!
Questa stanza ci dice che David ha avuto una vita difficile crescendo. Deve essere stato molto difficile per sua madre crescere una famiglia qui. Ci chiediamo come fosse la sua vita.

Tema 2: Oggetti africani

Gli oggetti in questa stanza si riferiscono alle esperienze di David in Africa.
Possiamo cercare di saperne di più sulle comunità che David ha incontrato in Africa guardando gli oggetti che ha portato con sé e che sono stati oggetti che ha portato con sé e che sono stati acquisiti dal David Livingstone Birthplace Museum. Ma non sappiamo perché alcuni di essi siano qui o come siano arrivati al museo: molti sono stati donati da sostenitori di David dopo la sua morte.

Oggetto 1: Perline
Ho scelto l'oggetto "Perline" per parlare della sua ispirazione spirituale. Durante la mia visita a questo
visita al museo, ho scoperto che David collezionava perline durante i suoi viaggi in Africa. Fin dall'antichità, le perline sono state utilizzate per molti scopi, come ornamenti decorativi e ornamenti spirituali, come viene illustrato in questa immagine.
Come potete vedere queste perline davanti a voi, chiamate Rudraksha Beads, sono bellissime, perline ricurve. Il Rudraksha è il seme dell'albero di Elaeocarpus e svolge un ruolo importante nella vita di un ricercatore spirituale, soprattutto in India e in Africa. Secondo la religione indù, Rudraksha significa l'occhio di Rudra (Shiva, dio indù) e la sua lacrima Akasha.
Nella cultura musulmana, le perline hanno un ruolo spirituale significativo, le usiamo dopo ogni preghiera.
Le perle di preghiera islamiche si chiamano Tasbih e sono divise in tre sezioni.
Nei Paesi musulmani, quando le persone attraversano momenti difficili, si siedono sul tappeto di preghiera e iniziano a snocciolare alcuni versetti coranici per pregare Dio di alleviare le loro difficoltà.
Ho comprato queste perline Tasbih come oggetti per mostrare che le perline Tasbih hanno dimensioni e colori diversi.
È in corso una ricerca per scoprire di più sui diversi scopi che queste perline nei Paesi africani che David ha visitato. Perché David ha scelto di raccoglierle. Cosa ne pensate?

Oggetto 2: Scudo
Ci sono molti scudi raccolti qui - non sappiamo da quali tribù provengano o come siano finiti al museo.
non sappiamo da quali tribù provengano né come siano finiti al museo.
Alcuni sono esempi di scudi Nguni [un - goo - nee], tradizionali, scudi tradizionali a forma ovale e appuntita, in pelle di bue o di vacca, utilizzati da vari gruppi etnici tra gli Nguni.
Nel Museo David Livingstone si trovano anche esemplari di Umbumbuluzo [um - bum - boo - loo - zoo] scudo da guerra, un tipo di scudo Nguni, fatto di pelle di bue o di vacca, che si pensa sia stato realizzato in
o pelle di mucca, che si pensa infonda al proprietario dello scudo la forza dell'animale. Uno scudo di questo tipo veniva portato con la mano sinistra ed era l'unica armatura difensiva: veniva portato nella mano sinistra ed era l'unico pezzo di armatura difensiva usato dal popolo Nguni, per deviare le lance, assegais o frecce. Inoltre, scudi come questo venivano portati con sé durante la caccia al leone o al leopardo, come forma di protezione e mimetizzazione.
David e altri viaggiatori europei bianchi collezionavano gli scudi come trofei esotici o souvenir, ma non erano molto interessati alle storie delle persone che li costruivano e li usavano.
Il capo Sechele
Non sappiamo molto di molte persone africane che David ha incontrato. Il capo Sechele è un'eccezione perché è un importante capo tribale. Sechele è nato nel 1812 e all'età di 80 anni è morto nel 1892. Era un capo di
Bakwena, un grande gruppo etnico dell'Africa meridionale, nell'attuale Botswana.
Suo padre era un importante leader della sua comunità e fu ucciso quando Sechele aveva 10 anni.
quando Sechele aveva 10 anni e la sua nazione stava affrontando problemi e divisioni.
Sechele cercò di portare l'unità. Divenne un leader forte e sviluppò il commercio dell'avorio in tutta la regione del Kalahari. Dal 1831, quando aveva solo 19 anni, fino alla sua morte Sechele fu visto come:
1/ Leader visionario.
2/ Creatore di pioggia
3/ Guerriero
4/ Convertito al cristianesimo che ha avuto un ruolo chiave nell'affermare il cristianesimo nella regione.

5/ Modernizzatore ha guidato la fondazione della nazione del Botswana.
Ha contrastato David Livingstone nel 1843 quando uno dei suoi figli aveva bisogno di cure mediche.
Sechele e la sua gente accompagnarono Livingstone fino al fiume Kolobeng, dove fu istituita la stazione di missione nel 1847. David e la sua famiglia rimangono con Bakwena per diversi anni e aiutano a costruire la scuola e la chiesa.
David si è convertito solo al cristianesimo" Sechele ha vissuto il conflitto ereditato tra il cristianesimo europeo e la tradizione locale. Sechele e David discutono sempre: discussioni sulla Bibbia e sul significato del cristianesimo.
Sechele è costretto a rinunciare al suo ruolo di pluviatore (decisione impopolare in un periodo di grave siccità).
Conflitto con Livingstone per il matrimonio di cinque
donne. Sechele viene battezzato nel 1848. David registra la reazione della gente quando Sechele ricevette il battesimo" La città era tranquilla, nessuna donna era stata vista andare nel suo giardino.
Dopo due mesi procediamo ad amministrare l'ordinanza del battesimo, molti erano in lacrime, era un dolore generale per la perdita del creatore di pioggia".
Quando David istituì la Missione di Kolobeng, Sechele imparò rapidamente l'inglese perché era così desideroso di studiare che si svegliava presto e faceva colazione prima dell'alba - imparò l'alfabeto in due giorni! -
Dopo aver imparato a leggere, insegnò l'inglese alle sue mogli.

Susi e Chuma
Abbiamo anche scoperto i compagni e assistenti di Davide, Susi e Chuma.
Chuma.
Susi lavorava sullo Zambesi a Shupanga come uomo di fiume. Incontrò David quando David arrivò a Shupanga su un piroscafo nell'agosto del 1858.
Chuma fu venduto come schiavo da bambino. Nel luglio del 1861, quando Chuma aveva circa 11 anni, la spedizione di David e un gruppo di rappresentanti dell'Universities;
Missione in Africa Centrale (UMCA) si imbatterono in Chuma e in altri schiavi in un villaggio chiamato Mbame.
Chuma e Susi si unirono alla spedizione di David e svolsero un ruolo fondamentale nella guida e, dopo la sua morte, a preservare la sua eredità. Quando David morì, Chuma e Susi portarono il suo corpo fino a Bagamoyo, sulla costa dell'odierna Tanzania.
Chuma e Susi si sono recati in Inghilterra, dove hanno incontrato i figli di David e altri membri della famiglia.
Hanno anche ricevuto una medaglia dalla Royal Geographical Society.
Entrambi tornarono in Africa e andarono a vivere a Zanzibar.
Quando Chuma morì nel 1882, l'esploratore britannico Joseph Thompson lo elogiò per aver fatto tanto per aprire l'Africa, per aver fatto tanto per aprire l'Africa alla scienza e alla comunicazione.

Tema 3
Lanterna magica
David Livingstone utilizzò la lanterna magica durante i suoi viaggi in Africa a scopo educativo e illustrativo.
Livingstone usò la lanterna magica per tenere presentazioni educative e insegnamenti tratti dalla Bibbia alle comunità africane. Questo strumento versatile gli ha permesso di colmare i divari culturali, di educare sia il pubblico africano che quello europeo e di condividere l'esperienza dei suoi viaggi.

Maria Livingstone
Mary era la moglie di David. Nacque nel 1821 in Sudafrica, il padre era Robert Moffat, scozzese.
Robert Moffat, un missionario scozzese. David incontrò la famiglia Moffat nel gennaio 1844 a Veal River, in Sudafrica. Sposò Mary un anno dopo, il 9 gennaio 1845.
Mary era un'esperta viaggiatrice e parlava correntemente sei lingue. Era rispettata dalle popolazioni locali e aveva influenza su di loro.
Sposò David Livingstone il 9 gennaio 1845. Mary aiutò enormemente David nei suoi viaggi, grazie alla sua esperienza di vita nell'Africa meridionale e alla sua capacità di parlare lingue africane, in particolare lo tswana (la lingua dei Batswana).
In Africa meridionale era più conosciuta di Livingstone, per cui egli veniva spesso presentato come il marito di Mary.
Livingstone veniva spesso presentato come il marito di Mary Moffat Livingstone. Mary era vista dalla Gran Bretagna vittoriana come una moglie missionaria ideale e un modello per le donne tswana, ma non sappiamo se gli africani fossero d'accordo con questa visione.
Quando David la mandò a vivere in Scozia, per lei furono tempi duri. La famiglia di David non la accettava lei e il suo accento e pensava che non fosse in grado di socializzare nella società scozzese.
Anche i loro amici non la accettarono. La sua vita era difficile, il clima freddo non le si addiceva perché soffriva di artrite e il suo benessere mentale ne risentiva. Andò in depressione. Tornò in Africa senza informare la famiglia di David.
David e Mary appartenevano all'epoca vittoriana, in cui gli uomini erano i capifamiglia e lavoravano per mantenere la famiglia. Le donne erano considerate importanti solo per generare figli e prendersi cura della casa. L'istruzione per i ragazzi era prioritaria rispetto a quella per le ragazze e la proprietà di una moglie veniva data al marito al momento del matrimonio.
al momento del matrimonio.
Nonostante l'epoca, a Mary fu insegnata l'importanza dell'istruzione fin dalla più tenera età dai genitori Mary e Dopo aver sposato David, è stata una grande risorsa per il team e il lavoro di David.
Nonostante le loro lettere mostrassero molto affetto, David non era noto per essere il miglior marito o il miglior padre per i loro figli.



Comentários


Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Non ci sono ancora tag.
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
bottom of page