top of page
20210202_115608.jpg

Benvenuto nel blog della Scrivente Errante! 

Uno spazio dove conoscere una Mamma, AUTRICE degli ARTICOLI e delle RECENSIONI che troverete su questo blog, appartenente alla generazione dei Millennials di due bambine Cosmopolite, a cui spero di poter dare gli strumenti per realizzare i loro sogni ed essere FELICI! 

PAISLEY - COSA INSEGNIAMO AI NOSTRI BAMBINI?

GIRO GIRO TONDO
CASCAS IL MONDO
CASCA LA TERRA
TUTTI GIU' PER TERRA
RING-A-RING, O' ROSES,
A' POCKETFUL OF POSIES,
A-TISHOO, A-TISHOO.
WE ALL FALL DOWN.

Molti di noi hanno un bel ricordo di questa piccola poesia dell'infanzia. Ci riunivamo in cerchio nel cortile della scuola, cantavamo "A-tishoo!" e poi cadevamo drammaticamente a terra. All'epoca non avevamo idea di quanto fosse cupa la filastrocca. In realtà descriveva i sintomi della terrificante "Morte Nera" o peste bubbonica. Sul corpo comparivano pustole rosse, seguite da starnuti e poi si "cadeva a terra morti". Tuttavia, la versione di Paisley, adattata da questa lugubre poesia, non ha nulla a che fare con la peste, anche se Paisley è stata colpita da epidemie nel 1456 e nel 1645. La nostra versione locale, tramandata di generazione in generazione e utilizzata come gioco al parco, recitava così: Un anello, un anello, o' rose, una tazza, una tazza, una conchiglia. La nonna è andata a Hamilton per comprare una campana nuova. Se non la vuoi, te la prendo io per mamma, Un anello, un anello, di rose, una tazza, una tazza, una conchiglia. Il significato delle parole diventa chiaro quando si osserva il vecchio stemma di Paisley, utilizzato dal Consiglio comunale fino al 1912. "Un anello" è portato sulla mano della figura centrale dell'Abate dell'Abbazia di Paisley, che ricevette le sue insegne di Mitra e Anello nel 1334, da Papa Benedetto XII. I cinquefogli rossi, simbolo della famiglia Hamilton, sono raffigurati nella parte superiore dello scudo di destra, a significare la loro stretta associazione con l'abbazia di Paisley. Ad esempio, Claud Hamilton, nipote dell'ultimo abate di Paisley, ereditò tutte le terre dell'abbazia e le relative entrate poco dopo la Riforma. Le tre coppe coperte nello scudo inferiore rappresentano "una coppa", che era l'emblema dell'abate George Schaw (1473 - 1498), a cui si deve l'elevazione di Paisley da villaggio a burgh nel 1488. Un altro scudo presenta una singola conchiglia, che simboleggia "una conchiglia" nel poema. Questa conchiglia era un distintivo medievale indossato dai pellegrini che si recavano al santuario di San Giacomo di Compostella in Spagna, che era il patrono della famiglia degli High Steward di Scozia, uno dei quali fondò l'Abbazia di Paisley. San Giacomo era uno dei santi a cui era dedicata l'abbazia. La conchiglia era un simbolo indossato dai pellegrini medievali che visitavano il santuario di Saint Mirin. A differenza dello stemma della città di Glasgow, lo stemma di Paisley non presenta una campana. Tuttavia, il legame con il poema risiede nelle "Silver Bells" di Paisley, un prestigioso premio assegnato ai cavalli vincitori delle corse di Paisley. Questa tradizione, che risale al 1620, fu istituita dalla famiglia Hamilton, Conti di Abercorn. Le "Silver Bells" sono state esposte con orgoglio tra le orecchie dei cavalli vincitori all'ippodromo di Paisley fino al 1907 e sono ora esposte nel Museo di Paisley. L'antico stemma e il motto della città, "Fa' che Paisley fiorisca, con la predicazione della tua parola", si trovano ancora su alcuni degli edifici più vecchi. Allo stesso modo, la versione di Paisley di "Ring o' roses" ha prosperato nei secoli, con le sue parole familiari che riecheggiano ancora nei campi da gioco delle scuole locali.



Comments


Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Non ci sono ancora tag.
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
bottom of page