PAISLEY IL PONY E L' AVVENTURA NELL'ISOLA DI ASSATEAGUE



Mai nei miei sogni più selvaggi avrei potuto immaginare che ci fosse un branco di pony che vive su una spiaggia. Avevo sentito parlare di cavalli selvaggi nei film che si svolgevano in Nevada e Colorado e in altre parti occidentali degli Stati Uniti, ma mai sulla Eastern Shore del Maryland. Alyssa amava visitare Assateague Island. Visitava i pony, nuotava, andava a pesca di granchi, in barca e osservava le 320 specie di uccelli. Viaggiava in ambienti naturali spettacolari dove si vedevano pony selvatici, uccelli, delfini e maestose aquile calve insieme al faro di Assateague. Se questo sembra un sogno, sicuramente lo era per lei. Amava stare all'aperto e soprattutto sull'isola per vedere tutti i meravigliosi animali. I suoi nonni la portarono lì per la prima volta nel 1890, quando aveva solo dieci anni. Ora che aveva dei nipoti, si godeva la bellezza e la solitudine dell'isola e raccontava ai suoi nipoti le storie dei pony selvaggi che abbellivano le rive del mare.

Alyssa e la sua nipotina di sei anni, Savannah, amavano accoccolarsi sulla grande e comoda sedia vicino al camino nella vecchia casa colonica. Le pareti del soggiorno erano ricoperte di foto di indiani americani e cavalli. "Nonna, mi racconti la storia di Paisley il pony?” chiese Savannah. "Ma certo! Ricordo una storia che la mia bisnonna raccontò sulla nave da guerra spagnola del 56, La Galga, in spagnolo "il levriero". Era diretta verso la Spagna, 4650 miglia attraverso un feroce uragano che la portò 1000 miglia fuori rotta nel 1750", iniziò Alyssa. Uno dei pony che sopravvisse a quella terribile tempesta era una splendida puledra marrone e bianca, o giovane pony femmina. Il suo nome era Paisley a causa della forma di una lacrima bianca, sul suo fianco. Paisley e 26 dei suoi amici nuotarono fino alla spiaggia. I 200 membri dell'equipaggio nuotarono fino all'isola e si fecero aiutare dagli indiani d'America per portare il carico a terra. Gli indiani insegnarono all'equipaggio della nave come piantare mais, fagioli e zucche, e dove trovare vongole e ostriche. L'equipaggio della nave, gli indiani e i pony vivevano sull'isola pacificamente. Paisley e i suoi amici si divertivano a sdraiarsi sulla sabbia calda per riposare e asciugarsi dopo la lunga nuotata dalla nave. "Poeta, pensi che dovremo tornare di nuovo su quella nave?" chiese Paisley.
" Spero proprio di no, Paisley. Non mi piaceva molto essere legato nelle stalle strette, con il fieno ammuffito, e avevo sempre fame", disse Poeta.
"Nonna, i pony parlavano davvero?" "È così che ho sentito la storia, Savannah".



La tribù di indiani Algonquin che viveva sull'isola non aveva mai visto cavalli fino ad allora. Quando scoprirono che l'uomo stava cavalcando sul dorso del cavallo, rimasero stupiti dalla forza e dalla potenza di quei bellissimi animali. La gente della tribù imparò molto rapidamente a cavalcare i cavalli e ad usarli per facilitare il lavoro. Paisley fu regalata all’ ottavo compleanno di Kanti, da suo padre, il capo della tribù. Kanti e Paisley lavorarono duramente e si divertirono molto insieme. Aiutavano la tribù trasportando legna da ardere, acqua e raccolti. Paisley era più una preziosa compagna che un cavallo da lavoro, così non doveva mai arare i campi o trasportare qualcosa di troppo pesante. Le era permesso di vagare liberamente e visitava spesso gli altri pony dell'isola. Quando Paisley visitava i suoi amici, le piaceva visitare il suo migliore amico, Poeta. Aveva la sua età, circa la stessa taglia, ed erano fianco a fianco sulla nave. Si aiutarono anche a liberarsi a vicenda dalla nave che affondava e nuotarono insieme fino alla riva.
Un giorno, cominciò a piovere forte, così Paisley e Poeta trovarono una grotta per stare al caldo e all'asciutto. Parlarono delle terribili condizioni sulla nave e di tutte le grandi avventure che avrebbero vissuto sull'isola. "Guarda, Poeta, l'acqua sta entrando in quel buco. Qui avremo acqua fresca da bere ogni volta che piove", disse Paisley.
C'era così tanto lavoro da fare prima dell'inverno. Ma Kanti era stanca di lavorare e voleva divertirsi un po'. Quando Paisley tornò, Kanti saltò sul dorso e cavalcò verso la spiaggia il più velocemente possibile. All'inizio camminarono lentamente nel caldo sole e si godettero gli spruzzi della baia. Poi galopparono lungo il bordo dell'acqua e si spruzzarono l'acqua addosso. Passarono ore prima che tornassero a casa, perché si stavano godendo davvero l'aria fresca e pulita, la spiaggia dorata, l'acqua scintillante e la reciproca compagnia. Quando tornarono, la madre di Kanti le chiese di iniziare a fare un cesto.
Nonostante Kanti fosse piuttosto stanca per la corsa sulla spiaggia, fece quello che sua madre le chiese.
Le ceste erano infatti realizzate esclusivamente dalle donne per contenere il pane, la frutta, i vestiti e il cucito. I cesti venivano anche scambiati con altre cose di cui avevano bisogno. Le donne facevano cesti con molte cose, ma la loro preferita era l'erba dolce perché era più morbida e profumava come il fieno fresco. Kanti ha lavorato al cesto usando un ago d'osso e una fibra di tiglio per collegare le spire di erba dolce mentre Paisley esplorava la spiaggia con i suoi amici. "Paisley, cosa ti piace di più sulle isole," chiese Poeta. "Amo l'erba dolce, ma è molto salata. Devo bere molta acqua per bilanciare il sale", disse Paisley.

Quando Kanti ne ebbe abbastanza di fare cesti, andò a cercare Paisley.
Paisley era diventata in poco tempo la migliore amica di Kanti e voleva essere sicura che stesse bene prima di andare a letto.
Kanti camminò lungo la spiaggia e vide Paisley che saltellava con grazia al chiaro di luna con i suoi amici. "Poeta, cosa stai facendo?" chiese Paisley. "Adoro saltellare al chiaro di luna con i miei amici. La sabbia mi fa il solletico ai piedi", disse Poeta. Paisley saltellò al chiaro di luna con Poeta e scoprì che era incantevole.
Il giorno dopo Paisley e i suoi amici cercarono ramoscelli di bacche di alloro, erbe di palude e dune di sabbia, cachi e rose. Mangiarono anche la cordigliera delle paludi salmastre lungo la costa di Assateague Island. I pony si sbarazzavano delle mosche passando molto tempo nell'acqua, lasciando che le brezze portassero via i parassiti volanti. Dovevano rimanere forti e sani perché erano molto importanti per la tribù.
Alcuni cavalli venivano addestrati come cavalli da bisonte ed erano apprezzati dai guerrieri. Correvano a fianco dei bisonti durante la caccia. Senza questi cavalli appositamente addestrati, era difficile per i guerrieri fornire abbastanza cibo alle loro famiglie. I cavalli molto pregiati erano tenuti all'interno della capanna durante la notte o in un recinto vicino.
Man mano che Kanti e Paisley crescevano, facevano sempre più cose insieme. Durante i loro molti anni insieme, hanno stabilito un grande amore e rispetto l'una per l'altra. Kanti e Paisley erano a tutti gli effetti migliori amiche.
Quando Kanti raggiunse i 16 anni, volle partecipare alla Grande Corsa dei Pony. Ma solo gli uomini erano ammessi alla gara e loro correvano per tutte le 37 miglia di lunghezza della spiaggia,andata e ritorno.
Gli indiani Algonquin di tutto il Maryland partecipavano alla gara per vedere quale cavaliere fosse il più veloce.
L'amico di Kanti, Mingan, era già iscritto alla gara ma non aveva un pony. Il suo pony era stato rubato qualche mese prima e non l'aveva più ritrovato. Kanti si offrì di lasciare che Mingan cavalcasse Paisley nella gara, a patto che riuscisse a controllarla. Ma sarebbe stata una grande sfida perché Paisley non era mai stata cavalcata da nessuno tranne che da Kanti. Mingan provò e riprovò a fare in modo di piacere a Paisley e gli permettesse di salire sulla sua schiena. Ma Paisley era abituata solo a Kanti che la cavalcava e non voleva nessun altro.

Ci provò diverse volte ma Paisley era spaventata e scappò via. Corse e corse finché non fu fuori dalla loro vista. Paisley trovò una grotta e la trascorse la notte. Kanti e Mingan trovarono Paisley nella grotta la mattina dopo.
Con loro grande stupore, Paisley era diventata piu’ amichevole con Mingan. I ragazzi trovarono interessanti i disegni sulle pareti della grotta che mostravano pony che attraversavano una stretta insenatura. Ma cosa significavano i disegni?
"Qui è dove hanno avuto l'idea del recinto dei pony che è iniziato nel 1925", disse Alyssa a Savannah. "Cos'è il pony penning, nonna?" "Te lo dirò dopo aver finito la storia di Paisley il pony", disse Alyssa.
Quando tornarono al villaggio, Paisley permise a Mingan di cavalcarla.
Era finalmente arrivato il momento di allenarsi per la gara. Prima camminavano velocemente, poi correvano lentamente, aumentando gradualmente la velocita’.
Hanno corso per tutta la lunghezza della spiaggia e ritorno.
Si esercitarono cosi ogni giorno per le tre settimane successive.
Il giorno emozionante della gara era finalmente arrivato. Kanti e Mingan erano così eccitati che questa tensione rese Paisley molto nervosa. Paisley non sembrava stare bene per niente.
Allenarsi duramente per tre settimane l'aveva fatta ammalare ma nessuno se n'era accorto. I cavalieri erano allineati sulla spiaggia per iniziare la gara. Il capo fece loro segno di iniziare a correre. Si allontanano alla velocità della luce. Mingan e Paisley partirono molto velocemente e furono in testa. Ma poi a metà strada, verso la fine della spiaggia, Paisley si sentì male e rallentò, ed infine si fermò. Mingan era arrabbiato e si chiedeva perché Paisley si fosse fermata nel bel mezzo della gara. Si erano preparati cosi tanto per questa gara! Si erano allenati per tre lunghe settimane e Paisley era un pony forte.
Poeta, che stave correndo con Huritt, notò che Paisley aveva smesso di correre, Poeta era preoccupato per la sua amica.
Mingan saltò giù da Paisley e lei crollò nella sabbia.


"Oh, no, nonna, Paisley stava bene?"

Poeta e Huritt videro cosa era successo e corsero indietro per controllare. Paisley era ancora sdraiata sulla sabbia e respirava pesantemente. Huritt invitò Mingan a saltare su Poeta in modo che potessero tornare al villaggio insieme.
Kanti doveva sapere che Paisley era malata.
Con il permesso di suo padre, Kanti e Mingan saltarono sul cavallo di suo padre, Chepi, e cavalcarono con Poeta e Huritt verso Paisley. "Cosa c'è che non va, Paisley?" chiese Poeta. "Non sono sicuro, Poeta, ma le gambe mi fanno molto male", disse Paisley. Kanti si rese conto che la sua amata compagna d’infanzia stava soffrendo molto, così chiese a Mingan e Huritt di trovare un cactus di fico d'India e di portare indietro un cuscinetto dal cactus, e un frutto, chiamato tonno. Disse loro di stare molto attenti alle spine del cactus.
Corsero su Chepi e trovarono il cactus.
"Cosa? Il frutto si chiama tonno?" chiese Savannah.
Mingan e Huritt notarono i lunghi aculei sui cuscinetti e sui tonni, così usarono una pietra per eliminarli. Poi spezzarono gli aculei dal cuscinetto e dai tonni. Li misero nella borsa che Kanti aveva fatto con una pelle di cervo. Corsero velocemente indietro per aiutare Paisley dopo aver raccolto i tonni.
Dopo aver strofinato il frutto sulle gambe di Paisley, la cavalla cominciò a sentirsi molto meglio. In poche ore era di nuovo in piedi e tornarono tutti al villaggio. Mingan si sentì male per aver cavalcato Paisley dopo settimane di allenamento e nessun riposo. Disse a Kanti che era dispiaciuto per aver allenato e cavalcato Paisley così duramente. Dovranno aspettare fino all’ anno successivo per tentare di nuovo la corsa.
Quando Kanti tornò al suo villaggio raccontò a sua madre che Paisley era crollata durante la gara e che Mingan aveva riportato i tonni e li aveva strofinati sulle gambe di Paisley. Ma si ricordò anche di aver trovato i disegni nella grotta e chiese a sua madre di andare a vederli con lei. Quando Kanti e sua madre entrarono nella grotta, scoprirono altri corridoi da esplorare. La grotta era coperta di pipistrelli e c'erano ragni e grilli che strisciavano sul pavimento. Piccoli pesci erano nelle piscine scintillanti di acqua fresca.


C'erano molte pozze d'acqua fresca per bere e la temperatura era adatta a conservare il cibo. Avrebbero pero’ dovuto costruire delle scatole di stoccaggio in modo che gli animali non se lo mangiassero. Ma la grotta l'avrebbe mantenuto il freddo durante le calde estati.
Scoprirono che ogni parete era ricoperta di disegni di indiani, cavalli e insenature non troppo lontane dal loro villaggio. Questo li rese curiosi di sapere perché i cavalli erano nell'acqua nel disegno della grotta e dove si trovava l'insenatura.
Dopo qualche settimana Paisley stava molto meglio. Kanti cavalcò Paisley e la madre di Kanti cavalcò il suo cavallo e molte altre persone del villaggio andarono all'insenatura. Trovarono altri villaggi oltre la baia con cui scambiare cavalli, perline e pellicce. L'acqua era molto bassa e sarebbe stato un ottimo modo per far passare i cavalli per il commercio.
“All'epoca non lo sapevano, ma ciò diede inizio al "pony penning" che conosciamo oggi", ha detto Alyssa. "Cos'è il pony penning, nonna?" chiese Savannah. "Il pony penning è una grande tradizione iniziata nel 1925 quando i "Saltwater Cowboys" radunarono 150 cavalli adulti e 70 puledri.
I cowboy portano i cavalli dalla spiaggia di Assateague Island attraverso l'insenatura e sulla spiaggia di Chincoteague, in Virginia. Ci sono migliaia di spettatori e molte feste intorno al pony penning ogni anno.
I visitatori possono anche prendere una barca da Ocean City, nel Maryland, fino a Assateague Island per vedere i pony nel loro habitat naturale. Imparano anche a conoscere il faro e altre creature dell'isola, tra cui granchi a ferro di cavallo, aquile calve e delfini".
"Sembra meraviglioso e mi piacerebbe vedere l'isola, il faro e tutti i cavalli selvaggi, nonna. Perché li ami così tanto e perché hai tutte queste foto sulle tue pareti?"
"Sono così contenta che tu abbia parlato delle foto, Savannah. Amo i pony selvaggi e gli indiani d'America di Assateague Island perché sono storie tramandate dai nostri antenati Algonchini. Una delle tue antenate era Kanti e amava molto Paisley il pony. Spero che ti godrai l'isola e che amerai i pony quanto me".

https://www.amazon.co.uk/Paisley-Pony-Assateague-Island-Adventure/dp/1941927947

Post in evidenza
Post recenti