top of page
20210202_115608.jpg

Benvenuto nel blog della Scrivente Errante! 

Uno spazio dove conoscere una Mamma, AUTRICE degli ARTICOLI e delle RECENSIONI che troverete su questo blog, appartenente alla generazione dei Millennials di due bambine Cosmopolite, a cui spero di poter dare gli strumenti per realizzare i loro sogni ed essere FELICI! 

Un giorno a Blantyre - conoscere qualcosa dell'Africa in Scozia -



Qui sono raccolti molti scudi: non sappiamo da quali tribù provengano né come siano finiti al museo. Alcuni sono esempi di scudi Nguni, ovvero scudi tradizionali a forma di ovale appuntito, in pelle di bue o di vacca, utilizzati da vari gruppi etnici tra le popolazioni Nguni dell'Africa meridionale. Attualmente sono utilizzati dagli indovini o per scopi cerimoniali e simbolici, e molti sono prodotti per il mercato turistico. Uno scudo di pelle di mucca è noto come isihlangu, ihawu o ingubha in Zulu e ikhaka o ikhawu in Xhosa.
Nel museo David Livingstone sono esposti anche esempi di scudo da guerra Umbumbuluzo, un tipo di scudo Nguni, realizzato in pelle di bue o di mucca, che si pensa infonda al proprietario dello scudo la forza dell'animale. Uno scudo di questo tipo veniva portato con la mano sinistra ed era l'unico pezzo di armatura difensiva usato dal popolo Nguni, per deviare lance, assegali o frecce. Inoltre, scudi come questo venivano portati durante la caccia al leone o al leopardo, come forma di protezione e mimetizzazione. David e altri viaggiatori europei collezionavano gli scudi come trofei esotici o souvenir, ma non erano molto interessati alle storie delle persone che li avevano realizzati e utilizzati.
Non sappiamo molto di molte delle persone africane che David ha incontrato. Il capo Sechele è un'eccezione, perché era un importante capo tribale del popolo che li fabbricava e li usava. Sechele era il kgosi (sovrano) dei Bakwena, una comunità del più ampio gruppo etnico Bakwena, nell'Africa meridionale. Nacque nel 1812 e morì nel 1892. L'assassinio del padre di Sechele, Kgosi Motswasele II, causò molti problemi e divisioni e Sechele fu esiliato. Ma tornò per cercare di riportare l'unità. Divenne un leader forte e sviluppò rotte commerciali per l'avorio attraverso la regione del Kalahari.
Quando David istituì la Missione di Kolobeng, Sechele imparò rapidamente l'inglese perché era così desideroso di studiare che si svegliava presto e faceva colazione prima dell'alba: imparò l'alfabeto in due giorni! Dopo aver imparato a leggere, lo insegnò alle sue mogli. Sechele voleva combinare il cristianesimo con le tradizioni Bakwena. Sechele diffuse gli insegnamenti cristiani in tutta l'Africa meridionale con molto più successo dei missionari bianchi europei!
Abbiamo anche scoperto gli assistenti e compagni di David, Susi e Chuma. Susi lavorava sullo Zambesi a Shupanga come uomo di fiume. Incontrò David quando arrivò a Shupanga su un piroscafo nell'agosto del 1858. Chuma fu venduto come schiavo da bambino. Nel luglio 1861, quando Chuma aveva circa 11 anni, la spedizione di David e un gruppo che rappresentava la Missione Universitaria in Africa Centrale (UMCA) si imbatterono in Chuma e in altre persone ridotte in schiavitù in un villaggio chiamato Mbame e li liberarono. Chuma e Susi si unirono alla spedizione di David e svolsero un ruolo essenziale nel guidarlo e, dopo la sua morte, nel preservare la sua eredità. Quando David morì, Chuma e Susi portarono il suo corpo fino a Bagamoyo, sulla costa dell'odierna Tanzania. Chuma e Susi si sono poi recati in Inghilterra, dove hanno incontrato i figli e gli altri membri della famiglia di David e hanno raccontato il periodo trascorso con lui. Hanno anche ricevuto una medaglia dalla Royal Geographical Society. Entrambi tornarono in Africa e andarono a vivere a Zanzibar.
Quando Chuma morì nel 1882, l'esploratore britannico Joseph Thompson lo elogiò per aver fatto tanto per aprire l'Africa alla scienza e alla comunicazione.
La moglie di David era Mary Moffat Livingstone. Era nata il 12 aprile 1821 in Sudafrica. Suo padre era Robert Moffat, un missionario scozzese. David incontrò la famiglia Moffat nel gennaio 1844 a Veal River, in Sudafrica. Sposò Mary un anno dopo, il 9 gennaio 1845.
Mary era un'esperta viaggiatrice e parlava correntemente sei lingue. Era rispettata dalla popolazione locale e aveva influenza su di essa. Sposò David Livingstone a 24 anni. Mary aiutò enormemente David nei suoi viaggi, grazie alla sua esperienza di vita nell'Africa meridionale e alla sua capacità di parlare le lingue africane, in particolare lo Tswana (lingua del popolo Batswana). In Africa meridionale era più conosciuta di Livingstone, che veniva spesso presentato come il marito di Mary Moffat Livingstone. Mary era vista dalla Gran Bretagna vittoriana come una moglie missionaria ideale e un modello per le donne tswana, ma non sappiamo se gli africani fossero d'accordo con questa visione. Quando David la mandò a vivere in Scozia, lei ebbe difficoltà. La famiglia di David non accettava lei e il suo accento e pensava che non fosse in grado di socializzare nella società scozzese. Anche i loro amici non la accettarono. La sua vita fu difficile, il clima freddo non le si addiceva perché soffriva di artrite e il suo benessere mentale ne risentiva. Andò in depressione. Tornò in Africa senza informare la famiglia di David. David e Mary appartenevano all'epoca vittoriana, dove gli uomini erano coloro che guadagnavano il pane e lavoravano per mantenere la famiglia. Le donne erano considerate importanti solo per generare figli e prendersi cura della casa. L'istruzione dei ragazzi era prioritaria rispetto a quella delle ragazze e la proprietà della moglie veniva data al marito al momento del matrimonio.
Nonostante l'epoca, i genitori Mary e Robert Moffat insegnarono a Mary l'importanza dell'istruzione fin dalla più tenera età. Ha aiutato e continuato il loro lavoro missionario e ha fatto la differenza nella vita delle donne e dei bambini della comunità. Avendo sposato David, è stata una grande risorsa per il team e il lavoro di David.
Nonostante le loro lettere mostrassero molto affetto, David non era noto per essere il miglior marito o il miglior padre per i loro 6 figli. La sua passione per i viaggi era più una priorità per lui che dare alla sua famiglia una casa stabile, mettendo a rischio le loro vite - ad esempio Mary ha viaggiato nel deserto del Kalahri nonostante fosse incinta. Era una donna con molte capacità e talenti e ha viaggiato con David dimostrando il suo sostegno, il suo impegno, il suo amore o la sua dedizione o forse la sua disperazione. La sua morte prematura è stata una grande perdita per David e per i loro figli. Ci sono molte domande senza risposta su Maria, come ad esempio: era accettata dalle donne nella società africana di quell'epoca?
Cosa pensavano le persone africane che conosceva del suo matrimonio con David Livingstone e della loro relazione? Erano più fedeli a lei o a David?
Che rapporto avevano David e Mary tra loro e con la popolazione locale, visto che David convertì al cristianesimo solo il capo Sechele nonostante i molti anni di lavoro missionario? Quale tributo hanno avuto i continui spostamenti su David, Mary e i loro compagni?
L'identità e l'importanza di Maria non sono evidenziate dagli oggetti esposti nel suo angolo del museo. Oggetti come l'anello nuziale, la tazza e il piattino e la Bibbia potrebbero trovarsi nella casa di qualsiasi donna, ma non ci dicono molto della sua straordinaria storia di vita.
David morì nel maggio 1873 a Ulala, in Africa. Quando David morì, il decano di Westminster contattò la Società Geografica e offrì la sepoltura nell'Abbazia di Westminster. Il cuore di David si trovava sotto un albero in Africa, ma il suo corpo fu riportato a Londra. Quando il corpo di David arrivò in Inghilterra, c'erano alcune prove importanti per dimostrare la sua identità: quando controllarono il suo braccio, trovarono il punto in cui era stato rotto durante l'attacco del leone!
Durante le nostre visite al David Livingstone Birthplace, abbiamo notato che il museo presenta la storia di David come un "one man show": tutto è incentrato sulla sua storia e sulla sua prospettiva. Ma egli ha ottenuto ciò che ha fatto grazie alla conoscenza e alla comunicazione della gente del posto e di sua moglie Mary: questo non è così evidente quando si guarda il museo, come invece dovrebbe essere. Nessuno può esplorare un nuovo Paese da solo senza la conoscenza e la saggezza, o semplicemente le esperienze e le storie personali, della gente del posto. Come possiamo parlare di questo grande uomo e del suo straordinario viaggio senza tenere conto della comunità che lo ha accolto, sostenuto e aiutato?
Anche il trattamento riservato da David alla moglie e ai figli è stato scadente. Li mandò a vivere da soli in Scozia per poter continuare a viaggiare e a vivere da scapolo. Maria non ha avuto alcun merito per tutte le conoscenze e il sostegno che ha dato a David. Ci auguriamo che il nostro tour susciti nuove domande sulla vita e sul lavoro di David e sulle persone che lo hanno aiutato lungo il cammino e che hanno reso possibili i suoi viaggi in Africa.




Comentários


Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Non ci sono ancora tag.
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
bottom of page