top of page
20210202_115608.jpg

Benvenuto nel blog della Scrivente Errante! 

Uno spazio dove conoscere una Mamma, AUTRICE degli ARTICOLI e delle RECENSIONI che troverete su questo blog, appartenente alla generazione dei Millennials di due bambine Cosmopolite, a cui spero di poter dare gli strumenti per realizzare i loro sogni ed essere FELICI! 

Paisley il 31 dicembre ricorda i bambini del cinema Glen


John DeFrain
"La morte di un bambino è come una pietra gettata nella quiete di una piscina tranquilla, le increspature concentriche della disperazione spazzano via in tutte le direzioni, colpendo molte, molte persone".



Il disastro del Glen Cinema è stato un mortale schiacciamento umano causato da una bomboletta di pellicola fumante in un cinema di Paisley, Renfrewshire, Scozia, il 31 dicembre 1929. Il panico e la calca che ne derivarono uccisero 69 bambini e ferirono fino a 40 altri; il bilancio finale fu di 71 morti. È considerato uno dei peggiori disastri della storia scozzese. L'edificio che ospitava il Glen Cinema è ancora in piedi e attualmente ospita un negozio di mobili.
Il cinema Glen fu aperto nel 1901 e divenne noto come "The Glen" e "The Royal Animated Pictures". Il pomeriggio del 31 dicembre 1929, durante una matinée per bambini, l'edificio era affollato da 700 a 1.000 bambini, di età compresa tra i neonati e i 14 anni circa. Secondo quanto riferito, la matinée era così ben frequentata perché i genitori volevano che le loro case fossero vuote per fare le pulizie in vista dell'imminente festività di Hogmany (capodanno). Nella sala delle bobine, una pellicola appena proiettata era stata riposta nel suo contenitore metallico quando iniziò a emettere un denso fumo nero. La pellicola ai nitrati, utilizzata in quel periodo, è altamente infiammabile e può bruciare da sola senza bisogno di aria.
Quando un assistente operatore vide il fumo provenire da un contenitore, cercò di soffocarlo; ma il contenitore si aprì e il fumo e le esalazioni entrarono nella sala di proiezione. Ben presto il fumo riempì l'auditorium che conteneva i bambini, e un sopravvissuto affermò che qualcuno gridò "fuoco" e i bambini cominciarono a correre verso le uscite. I bambini corsero al piano di sotto così velocemente e in numero tale che si ammucchiarono dietro la porta di fuga che conduceva a Dyers Wynd. La porta non poteva essere aperta, poiché era progettata per aprirsi verso l'interno ed era chiusa con un lucchetto. Altre persone rimasero ferite mentre saltavano dai balconi sulle persone sedute nelle sezioni sottostanti nel tentativo di fuggire.[1]
Un poliziotto arrivato sul posto subito dopo l'inizio dell'incendio ha riferito che i cancelli erano chiusi con un lucchetto; tuttavia, un altro testimone ha confermato di aver visto il direttore del cinema, Charles Dorward, aprirli. Un poliziotto è riuscito a rompere il lucchetto di una delle porte, ma non è stato facile aprirle, poiché le porte si sono aperte verso l'interno e dietro di esse c'erano mucchi di corpi, con persone che si arrampicavano per cercare di fuggire. Alcuni bambini, tuttavia, sono rimasti nei loro posti e sono stati portati fuori dal cinema dai vigili del fuoco intervenuti. Altri sono stati salvati quando i vigili del fuoco hanno rotto le finestre e hanno tirato fuori i bambini dal cinema. Settantuno bambini sono morti a causa della calca che ne è derivata e tra i trenta e i quaranta sono rimasti feriti. Molte delle vittime sono state registrate come morte per "asfissia da schiacciamento" o "asfissia traumatica".
Il 29 aprile 1930 si tenne un'inchiesta a Edimburgo, durante la quale fu rivelato che il Glen Cinema era stato ispezionato e dichiarato sicuro dai vigili del fuoco di Paisley la mattina dell'incendio. Il proprietario, James Graham, aveva convenuto che le uscite erano insufficienti, ma aveva affermato di aver ripetutamente ricordato a Dorward che le uscite di sicurezza non dovevano essere chiuse durante gli spettacoli matinée. Dorward ha ammesso che i cancelli di uscita erano stati talvolta chiusi per evitare che i bambini entrassero nel cinema senza pagare.
La conclusione dell'inchiesta fu che l'incendio era stato innescato da un cortocircuito quando il contenitore della pellicola era stato posizionato sulla parte superiore di una batteria nella sala delle bobine. La tragedia era stata aggravata dal numero limitato di uscite, dall'insufficienza di personale e dal sovraffollamento.
Dorward fu processato per omicidio colposo, ma fu dichiarato non colpevole.
Un fondo di soccorso per i bambini feriti e i genitori in lutto raccolse 5.300 sterline (l'equivalente di circa 338.900 sterline al 2020). Il consiglio comunale di Paisley ha offerto ai bambini una settimana di vacanza al mare.
Il 31 dicembre 2009, in occasione dell'ottantesimo anniversario della tragedia, il vescovo di Paisley Philip Tartaglia e i suoi collaboratori hanno celebrato una cerimonia commemorativa presso il monumento ai caduti del Cenotafio. I sopravvissuti si sono riuniti per ricordare i bambini che persero la vita nel disastro. Una corona di fiori è stata deposta da una delle sopravvissute, Emily Brown, che aveva cinque anni al momento dell'incidente. Da allora, la cerimonia commemorativa è diventata un evento annuale. A causa della pandemia COVID-19, nel 2020 la cerimonia si è svolta online.
Le norme di sicurezza sono state inasprite in seguito al disastro; molte autorità municipali hanno reso obbligatorie le ispezioni dei cinema. La legge sui cinema del 1909 fu modificata per garantire che i cinema avessero più uscite, che le porte si aprissero verso l'esterno e che fossero dotate di maniglioni. Fu anche posta una limitazione alla capacità di posti a sedere dei cinema.
Al Museo di Paisley è presente una piccola esposizione con alcuni articoli di giornale sul disastro, una ricevuta per un funerale, un paio di scarpe e un cappello. Vi sono anche lettere inviate al prevosto di Paisley da altri leader civici del Regno Unito, degli Stati Uniti e dell'Europa. Alcune delle lettere più toccanti sono di donne che non hanno potuto tenere i propri figli e li hanno offerti alle famiglie devastate di Paisley.
Nel 2019, in occasione del 90° anniversario è stato creato e proiettato un documentario sul disastro e una mostra di lettere di condoglianze inviate alla città dopo il disastro.




In foto potete vedere una dei sopravissuti, Emily Brown, che oggi dovrebbe avere 99 anni, aveva cinque anni quando andò al cinema con le sue due sorelle, di tre e dieci anni, per vedere il film di cowboy Desperado Dude.
La signora Brown ha raccontato alla BBC Scotland che c'è stato molto panico quando qualcuno ha gridato "fuoco". Dice che c'era una ressa alle porte e che la gente saltava dal balcone sui bambini sottostanti.
Si è salvata quando un pompiere ha rotto una finestra e l'ha tirata fuori. Emily è stata separata dalle sue sorelle, ma anche loro si sono salvate. Alcuni dei suoi amici morirono.
"Quel giorno tutto si è fermato", racconta Emily. "La maggior parte degli abitanti di Paisley ha perso qualcuno. Noi siamo stati fortunati, altri no".

Comentários


Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Non ci sono ancora tag.
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
bottom of page